L’apertura al pubblico? È oggi, sì, ma la grande mostra milanese sulla Transavanguardia con Artribune arriva prima. Ecco foto e video-blitz a Palazzo Reale…

Sessantasei opere di grandi dimensioni, autori Sandro Chia, Francesco Clemente, Enzo Cucchi, Nicola De Maria e Mimmo Paladino. Ovvero, la Transavanguardia italiana. A Milano Palazzo Reale apre le sue sale del primo piano per l’imponente collettiva che – che la cosa sia stata cercata o meno – mette il movimento lanciato da Achille Bonito Oliva […]

Sessantasei opere di grandi dimensioni, autori Sandro Chia, Francesco Clemente, Enzo Cucchi, Nicola De Maria e Mimmo Paladino. Ovvero, la Transavanguardia italiana. A Milano Palazzo Reale apre le sue sale del primo piano per l’imponente collettiva che – che la cosa sia stata cercata o meno – mette il movimento lanciato da Achille Bonito Oliva su un piatto di una bilancia con le grandi mostre dell’Arte Povera disseminate da Germano Celant in giro per tutta Italia.

Nessuno vincerà, e nessuno perderà: ma di certo  se ne uscirà con un bel punto dello stato delle arti nostrane, a partire dalle due “cose” che le hanno dominate negli ultimi decenni. Da non mancare dunque l’evento milanese: al pubblico apre oggi e sarà visibile fino al 4 marzo 2012: ma ovviamente Artribune l’ha visitata in anteprima, ecco le foto ed il consueto video-blitz…

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • hm

    gli unici quadri vagamente decenti sono a 10 di 30 e 22 di 30 .

    • francesca

      manca solo il 7 che canta la ode delle vergini in mostra.

  • marinetti

    per capire qualcosa della transavanguardia, bisogna prima domamandarsi che cosa è un fumetto. E’ un’opera d’arte ?

    • hm

      dipende dal fumetto sapone . i tuoi fumetti preferiti sono i porno dove si insaponano sotto la doccia .

  • mario

    ma ancoooora????? mamma mia basta vi prego. chi gli spara?

  • 21 novembre 2011 alle 08:49

    mario scrive:
    21 novembre 2011 alle 08:49

    sono perfettamente d’accordo con la redazione, però per coerenza da parte vostra ci vorrebbe selezione delle mostre recensite o segnalate. una mostra orrenda e cafona come quella di bulgini non puòfar altro che generare risposte di conseguenza.

  • occhio

    se la mostra è vista qui ma chi ci va a palazzo…

  • Enrico

    Ma la frase “un’intuizione li unì 30 anni fa……” MA QUALE INTUIZIONEEE?????
    Aiuto aiuto spiegatemelo!