Ci risiamo. I Red Hot Chili Peppers continuano a frequentare l’arte contemporanea. Dopo la copertina di Damien Hirst, un video ispirato a Raymond Pettibon

Sulla copertina dell’album, intitolato I’m with you e uscito la scorsa estate, c’era il close-up di una pillola, con posata sopra una mosca. Un’immagine inconfondibile per chiunque si interessi di arte contemporanea, firmata dall’inglese Damien Hirst. Ora, per il secondo singolo estratto dal disco, i Red Hot Chili Peppers scelgono il conterraneo Raymond Pettibon, i […]

Sulla copertina dell’album, intitolato I’m with you e uscito la scorsa estate, c’era il close-up di una pillola, con posata sopra una mosca. Un’immagine inconfondibile per chiunque si interessi di arte contemporanea, firmata dall’inglese Damien Hirst. Ora, per il secondo singolo estratto dal disco, i Red Hot Chili Peppers scelgono il conterraneo Raymond Pettibon, i cui disegni sono la riconoscibilissima e dichiarata fonte di ispirazione per il videoclip di Monarchy of Roses, diretto da Marc Klasfeld.
Non solo. L’artista californiano – tra l’altro anche lui musicista e compositore – è anche citato nel verso “The calicoes of Pettibon, where culture comes to clash”, cantato da Kiedis proprio all’inizio del brano. Non si tratta di una prima volta, d’altra parte, né per la band, che in passato ha sfornato un altro memorabile videoclip ispirato alle performance di Erwin Wurm, né per Pettibon, che ha al suo attivo numerose album cover, tra cui quelle dei Black Flag, storica band hardcore in cui militava il fratello, Greg Ginn, e l’indimenticabile Goo dei Sonic Youth.

– Valentina Tanni

LEGGI ANCHE:
Damien Hirst firma la copertina del nuovo album dei Red Hot Chili Peppers
Antony Kiedis in conversazione con Ed Ruscha

CONDIVIDI
Valentina Tanni (Roma, 1976) è critica d’arte, curatrice e docente. Si interessa principalmente di new media art e di editoria multimediale. Ha curato numerose mostre, tra cui: la sezione di Net Art di “Media Connection” (Roma e Milano, 2001), le collettive “Netizens” (Roma, 2002) e “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati” (Siracusa, 2003), “Maps and Legends. When Photography Met the Web” (Roma, 2010), “Datascapes” (Roma, 2011) e “Hit the Crowd. Photography in the Age of Crowdsourcing” (Roma, 2012), “Nothing to see here” (Milano, 2013), “Eternal September. The Rise of Amateur Culture” (Lubiana, 2014), “Stop and Go. L'arte delle gif animate” (Roma, 2016). Ha collaborato con i festival di arti digitali Interferenze e Peam ed è stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” (edizioni 2010-2012). Ha scritto per testate nazionali e internazionali e lavorato come docente per istituzioni pubbliche e private. Dal 2011 collabora con Artribune.