Biscotti, Calignano, Ciracì, Grimaldi, Ligorio, Presicce. I big tornano a casa, e la Puglia li accoglie con una festa del suo contemporaneo. Ecco chiccera a Bari…

Back Home, un titolo che suona come un richiamo, un invito lanciato a un selezionatissimo gruppo di artisti pugliesi – Rossella Biscotti, Pierluigi Calignano, Sarah Ciracì, Massimo Grimaldi, Deborah Ligorio, Luigi Presicce – da parte delle curatrici, Marilena Di Tursi e Antonella Marino. Sei artisti under 40, che hanno in comune percorsi professionali di prestigio […]

Massimo Grimaldi, Ryszard Kapuciski, 2010

Back Home, un titolo che suona come un richiamo, un invito lanciato a un selezionatissimo gruppo di artisti pugliesi – Rossella Biscotti, Pierluigi Calignano, Sarah Ciracì, Massimo Grimaldi, Deborah Ligorio, Luigi Presicce – da parte delle curatrici, Marilena Di Tursi e Antonella Marino. Sei artisti under 40, che hanno in comune percorsi professionali di prestigio maturati lontano dalla propria terra d’origine, la Puglia. Rispetto al loro lavoro, la scelta curatoriale per la mostra allestita fino al 30 dicembre presso il Complesso di Santa Scolastica a Bari è volutamente priva di un vero e proprio filo conduttore, ponendosi come una sorta di ricognizione monografica funzionale anche alla divulgazione sul territorio.

Un’occasione di confronto e incontro per riflettere sulle dinamiche di rapporto tra centri e periferie nel sistema dell’arte, sui mutanti fenomeni di nomadismo e di pendolarismo e sulle ricadute nelle pratiche di acquisizione di identità e visibilità”. Più che una mostra collettiva si tratta di sei mini-personali in cui si è scelto di esporre prevalentemente opere di repertorio – rappresentative del percorso artistico di ognuno – accanto a qualche inedito, come la grande installazione site specific di Calignano, Sleeping Structure, il collage della Ligorio, SDS collage, la grandi stampe fotografiche su alluminio con “tableaux-vivant” di Presicce.

 

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.