Artribune blitz: ecco in anteprima i finalisti del Premio Moroso edizione 2011

“Concepito per documentare, valorizzare e sostenere gli artisti emergenti che vivono e lavorano in Italia. … un unicum nel settore della collaborazione fra enti ed impresa, ha l’obiettivo di creare sinergie virtuose tra pubblico e privato nella promozione dell’arte contemporanea”. Ricetta semplice, pragmatica, fattiva, molto Nord Est style: non per niente viene da Monfalcone, da […]

Tomás Saraceno (foto Bonniers Konsthall)

Concepito per documentare, valorizzare e sostenere gli artisti emergenti che vivono e lavorano in Italia. … un unicum nel settore della collaborazione fra enti ed impresa, ha l’obiettivo di creare sinergie virtuose tra pubblico e privato nella promozione dell’arte contemporanea”. Ricetta semplice, pragmatica, fattiva, molto Nord Est style: non per niente viene da Monfalcone, da quella Galleria Comunale d’Arte Contemporanea che spesso ci capita di citare – con tutte le proporzioni del caso – ad esempio di museo possibile.
È la ricetta del Premio Moroso, che dopo aver selezionato trenta artisti segnalati da 10 direttori di musei e istituzioni che fanno parte dell’AMACI, ora giunge al secondo step, con i dieci finalisti che esporranno dal 10 dicembre presso lo spazio espositivo di Monfalcone, presentando una selezione di opere che contraddistinguono la loro ricerca. A sceglierli il comitato composto da Andrea Bruciati, responsabile della GC.AC di Monfalcone, Patrizia Moroso, art director dell’azienda Moroso, e dall’artista Tomás Saraceno.
I tre artisti vincitori, ai quali sarà data la possibilità di realizzare un progetto site specific presso gli showroom Moroso a New York, Londra e Milano, saranno quindi selezionati da una shortlist che comprende Gianni Caravaggio, Loris Cecchini, Andrea Dojmi, Luca Francesconi, Francesca Grilli, Andrea Mastrovito, Marzia Migliora, Luca Pozzi, Luigi Presicce, Dragana Sapanjos. La giuria finale sarà formata da Ron Arad, designer, Anders Byriel, managing director della danese Kvadrat, Michele De Lucchi, architetto, Marianne Goebl, direttrice Design Miami, Jérome Sans, critico e curatore.

www.moroso.it

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • ray

    artisti emergenti? sti nomi ormail girano da anni!

  • danny1

    la migliora avrà 50 anni!!!! giovane artista!!! forse 50 no…ma lì lì…

  • simone

    di artisti riemergenti trattasi semmai. un po’ affogano e un po’ riemergono, un po’ affogano e un po’ riemergono.. ad infinitum.
    qui gli si sta dando una lucidata per rimetterli in vetrina e rivenderli per nuovi, come fanno i furbi bottegai di provincia..

  • Ho partecipato anche io a questa selezione. Non dovrei parlarne ma lo faccio. Penso che viviamo una situazione di emergenza che non permette più tabù.

    Il punto è il linguaggio proposto, è l’atteggiamento di fondo. Non si riesce ad uscire da un loop determinato da pochi operatori che selezionano, e che invitano in determinati luoghi. La Moroso giustamente chiede solo visibilità ed una comunicazione inedita. Però io ho sempre la sensazione che si stiano perdendo opportunità, anche per la ditta Moroso stessa. Ma più che confrontarmi quotidianamente su queste cose, non posso fare altro.

    lr

    • hm

      – Però io ho sempre la sensazione che si stiano perdendo opportunità, anche per la ditta Moroso stessa. –

      ah beh certo se partecipi e non ti selezionano sicuramente hai perso un’opportunità lucarossi . forse dovresti parlare al singolare in questo caso invece di usare il plurale comunista (anche molto classista, di solito si parla al plurale al facchino che sposta i mobili in casa, spostiamo solleviamo mettiamo), io ai concorsi truccati non partecipo per principio, e se lo faccio non parlo al plurale a vanvera . sono per l’astensione di massa . sarebbe l’unico modo per cambiare qualcosa . gandhi rules . poi smettila di copiarmi il lessico e il modo di esprimerti, loop, masochismo, mainstream etc concentrati sull’ikea evoluta che è quello il tuo forte dai .

      • hm

        sono conscio che l’astensione di massa potrebbe essere l’unico modo per cambiare qualcosa ma se non avviene non vado certo a mettere i picchetti o parlare al plurale come un prete comunista, me ne strafrego .
        http://www.youtube.com/watch?v=sHVQc2RVWXM e soprattutto evito di spendere soldi per partecipare a concorsi raccomandati . li snobbo direttamente .

    • SAVINO MARSEGLIA (artista ribelle)

      FINALISTI DEL PREMIO MOROSO, EDIZIONE 20011 C’ERA PURE IL BAMBINO LUCA ROSSI !!!

      Ho partecipato anch’io al PREMIO MOROSO! Non mi avete visto tra gli artisti garantiti e giurati pregiudicati? Ho visto pure il bambino luca con i suoi cuscinetti pieni d’aria, aggirarsi come una falena impazzita, in cerca di visibilità e notorietà.
      Era solo e terribilmente incazzato, perchè un tizio chiamato, (LOOP DETERMINATO) per distrazione, gli ha versato il caffè sulla sua testa pelata.

      Intanto, uno dei selezionatori, distrattamente, ha appoggiato la sua coppa di spumante sula testa di luca. Evidentemente, l’ha scambiata per un comodo tavolino? Allora, il bambino luca, offeso per la seconda volta… va su tutte le furie e mentre cercava di vendicarsi dell’offesa ricevuta, non si accorge che i cuscinetti d’aria s’erano improvvisam,ente sgonfiati.

      A parte la pena che mi faceva, vedendolo così smarrito, smunto e avvizzito; era anche evidente che non aveva nessuna colpa. Anzi, a mano a mano che si avvicinavano a lui altri operatori selezionatori, per cercare di aiutarlo a rigonfiarsi, mi sembrava sempre più chiaro che il bambino luca mi stesse volgendo lo sguardo, senza però mettermi bene a fuoco e che la sua tormentata condizione di bambino incompreso mi stesse parlando.

      • hm

        i cuscinetti pieni d’aria? cioè? ha le nike air max? secondo me luca morossiani è più uno da mocassini . penso che abbia anche la forfora e un principio di alopecia in effetti .

    • pentagono

      Attenzione Attenzione
      ma hai partecipato come Luca Rossi o come Enrico Morsiani ???

      • SAVINO MARSEGLIA (investigatore occulto)

        come no, c’era pure il capo indiscusso della CIA. Quando un premio va in fumo, è lui quello che dovete guardare in cagnesco.

        • hm

          la cia è sicuramente sempre responsabile (vedi ridicola ascesa ingiustificata di cia twombly e altri ridicoli americani), ma non penso se ne sbatta lontanamente del premio moroso in italietta, soprattutto in questo momento . tra una settimana poi il sionista mario draghi chiude i rubinetti del cash e non accetterà più i bond dell’italietta (che in questo modo non potrà più ricevere denaro contante in cambio di carta straccia e non potrà più coprire il debito pubblico mostruoso che si ritrova) così finalmente diventiamo terzo mondo e ritorniamo alla legge della giungla . la domenica pomeriggio magari gli ultras la passeranno a tirar testate ai vetri delle banche invece che guardare moggi che trucca le partite .

    • Pentagono

      Enrico morsiani o luca rossi, con che nome hai partecipato al premio moroso???
      Perché uno dei due nome spaccando le palle e intasando il web di argute e saccenti cazzate ha un pò di visibilità l’altro non pervenuto.