Verona Updates: inno di Mameli remix, Valentina Miorandi vince la prima edizione del Premio Durello New Perspectives

Un disco in vinile dove sono state registrate le tracce sonore di performance di tre cori di montagna con la partecipazione di giovani, uomini e donne. Tracce dell’inno nazionale di Mameli con il testo originale sostituito da parole-chiave Costituzione, dove emerge il sentimento collettivo di un popolo che desidera rendere vivi i principi sul quale […]

Premiazione del Premio Durello New Perspectives

Un disco in vinile dove sono state registrate le tracce sonore di performance di tre cori di montagna con la partecipazione di giovani, uomini e donne. Tracce dell’inno nazionale di Mameli con il testo originale sostituito da parole-chiave Costituzione, dove emerge il sentimento collettivo di un popolo che desidera rendere vivi i principi sul quale si fonda il proprio paese. Con questa opera presentata dalla galleria Arte Boccanera di Trento – titolo Inno Nazionale d’Italia – l’artista Valentina Miorandi si è aggiudicata la prima edizione del Premio Durello New Perspectives, all’esordio ad ArtVerona con una giuria presieduta da Alfredo Cramerotti.
Miorandi – si legge fra l’altro nelle motivazioni – non si presta a facili atteggiamenti critici senza conseguenze: genera contenuti e adotta mezzi sempre in maniera funzionale, fa qualcosa che serve alle persone che guardano o ascoltano. E non c’è retorica che tenga, dal momento che ci implica in quello che siamo”. La giuria, che ha selezionato l’opera fra 90 concorrenti ridotti poi a 10 finalisti, era composta da Chiara Bertola, direttrice artistica dell’Hangar Bicocca di Milano; Flavia Fossa Margutti, responsabile comunicazione del Mart; Aldo Lorenzoni, direttore del Consorzio Durello; Silvano Nicolato, Vice Presidente di Colli Vicentini e Massimo Simonetti, direttore artistico di ArtVerona.

– Barbara Reale

CONDIVIDI
Barbara Reale
Barbara Reale è architetto (laurea e abilitazione presso il Politecnico di Torino), docente, e cultrice di filosofia e critica in ambito architettonico ed artistico. Da sempre ha affiancato all’attività nel campo dell'allestimento e della progettazione l’impegno nella didattica specializzandosi nell’approfondimento delle energie alternative e dello sviluppo sostenibile. Ha collaborato con la Fondazione Palazzo Bricherasio di Torino (2001-2004) in qualità di consulente didattica e docente per corsi di formazione post-laurea. Nel 2004 ha fondato Relentless Project, società specializzata in didattica museale multidisciplinare (arte, architettura, cinema). Ha collaborato con varie testate nazionali di arte ed architettura. E’ attualmente docente di Storia dell’Arte e Tecnologia. Dal 2011 fa parte della redazione di Artribune.