Verona Updates: a Palazzo Forti, ecco il foto-backstage della mostra-thriller D’est – La casa

Continua il resoconto veronese, e dalla fiera ci affacciamo alle mostre sparse per la città che si incuneano nel calendario di ArtVerona. Puntatina a Palazzo Forti, intento a mappare, documentare e saggiare il polso delle diverse situazioni del contemporaneo. La mostra inaugura domani sabato 8 ottobre? Nessun problema, ormai ci abbiamo preso il vizio ad […]

D’est - La casa, a Palazzo Forti

Continua il resoconto veronese, e dalla fiera ci affacciamo alle mostre sparse per la città che si incuneano nel calendario di ArtVerona. Puntatina a Palazzo Forti, intento a mappare, documentare e saggiare il polso delle diverse situazioni del contemporaneo. La mostra inaugura domani sabato 8 ottobre? Nessun problema, ormai ci abbiamo preso il vizio ad essere sempre sul pezzo, ed ecco una preview tutta da scoprire.
Il titolo è D’est – La casa, e le nostre macchine fotografiche si sono intrufolate al pian terreno di Palazzo Forti palazzo, guidate tra le sale nel mezzo dell’allestimento da Aurora Fonda, una delle curatrici. Una mostra che vuole, anzi pretende, di essere vissuta con partecipazione: nelle intenzioni curatoriali c’è la chiara volontà di estrarre l’anima antica del palazzo, vale a dire quella domestica. Il visitatore entra in casa, quindi, e lì trova una lettera, quasi abbandonata sul tavolino: è un appello di Boba Mirjana Stojadinovic, che invita il visitatore  a vivere pienamente l’antica dimensione privata del palazzo, prendendo una simbolica chiave e andando a scoprire una stanza del palazzo, regalando le proprie sensazioni all’artista, lontana da Verona.
Tra poltroncine, divani e un senso diffuso di accoglienza la visita prosegue alla ricerca dell’opera nascosta e non esibita: aprendo i cassetti e gli armadi, sfogliando libri, ricercando tracce e indizi. Una mostra tutta da vivere, non da attraversare.

– Giulia De Monte

CONDIVIDI
Giulia De Monte
Classe 1986, studi in Storia dell’Arte Contemporanea, scorazza liberamente per tutta l’Italia, possibilmente anche per il mondo; gestisce il blog Arte Libera Tutti, che si occupa di documentare il lato B dell’arte contemporanea, fatto di associazioni, collettivi e gruppi informali, tra nuovi modelli curatoriali e fruitivi. Ha pubblicato una serie di articoli per AAA TAC, rivista edita dalla Fondazione Cini di Venezia. Dal 2010 collabora con la neonata Venice Design Week, evento collaterale alla Biennale che si occupa di promuovere e investigare le relazioni tra arte, design e artigianato.