Torino, Milano, Gibellina. È questa la mappa dei Musei dell’anno in Italia secondo l’International Council of Museum

Torino primeggia nell’Information Tecnology, Milano in ambito scientifico, Gibellina nella Mediazione Culturale. In che contesto? Nell’ambito museale: questi almeno sono i responsi del Premio ICOM Italia – Musei dell’anno 2011, che proprio oggi 29 ottobre – alle 19 e 30 – consegnerà i riconoscimenti con una cerimonia presso il Complesso Museale di Santa Maria della […]

Antonio Paolucci

Torino primeggia nell’Information Tecnology, Milano in ambito scientifico, Gibellina nella Mediazione Culturale. In che contesto? Nell’ambito museale: questi almeno sono i responsi del Premio ICOM Italia – Musei dell’anno 2011, che proprio oggi 29 ottobre – alle 19 e 30 – consegnerà i riconoscimenti con una cerimonia presso il Complesso Museale di Santa Maria della Scala a Siena.
Nella sezione Information Comunication Tecnology, dedicata alle migliori soluzioni in materia di ICT, sia in ambiente web che on-site, il premio è andato al Museo Torino, museo virtuale, unico nel panorama nazionale ed europeo, nato per raccogliere, conservare e comunicare la conoscenza della città, che ha prevalso sugli altri due finalisti, il Museo delle Scienze di Trento ed i Musei Civici di Palazzo Buonaccorsi di Macerata.
Per il miglior progetto di partnership pubblico-privato, vittoria del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano per l’i.lab alimentazione, laboratorio interattivo permanente dedicato ai temi dell’alimentazione. Gli altri finalisti nella sezione erano il Museo Benozzo Gozzoli di Castelfiorentino e il Museo MAN di Nuoro.
Miglior progetto di mediazione culturale, destinato a valorizzare le realizzazioni più innovative ed originali nell’ambito dei servizi educativi, è risultato infine quello proposto dal Museo delle Trame Mediterranee della Fondazione Orestiadi di Gibellina, nel trapanese, impostosi su quelli del Maxxi di Roma e del Museo di Storia Naturale di Venezia.
Premio museologo dell’anno a Gabriella Belli, neodirettore della Fondazione Musei Civici di Venezia, mentre il premio honoris causa andrà ad Antonio Paolucci, direttore dei Musei Vaticani.

www.icom-italia.org