London Updates: vi siete fatti una maratona fra fiere, mostre e feste? Allora siete allenati, domani c’è la Marathon di Obrist al Serpentine Pavilion

Colazione da Serpentine. Matinée al Padiglione di Peter Zumthor, con caffè, paste e saluto ufficiale di Julia Peyton Jones e Hans Ulrich Obrist, codirettori dello spazio di Hyde Park, rispettivamente in questo caso responsabili delle committenze di architettura e dei programmi d’arte. Programmi che nella settimana di Frieze comprendono la personale di Anri Sala, gremitissima […]

Peter Zumthor - Serpentine Pavilion

Colazione da Serpentine. Matinée al Padiglione di Peter Zumthor, con caffè, paste e saluto ufficiale di Julia Peyton Jones e Hans Ulrich Obrist, codirettori dello spazio di Hyde Park, rispettivamente in questo caso responsabili delle committenze di architettura e dei programmi d’arte. Programmi che nella settimana di Frieze comprendono la personale di Anri Sala, gremitissima di pubblico sulle note del leitmotiv Should I stay or Should I go?, e la consueta maratona di interviste condotte dal curatore svizzero.
Già, arriva alla sua sesta edizione l’ormai irrinunciabile Marathon dedicata a Frieze, suddivisa nelle due giornate di sabato e domenica. I personaggi che si alterneranno, coordinati da Hans Ulrich Obrist, sono molteplici, con i profili più disparati. Tra loro: Brian Aldiss, Maria Thereza Alves, Rosie Atkins, Yto Barrada e Sean Gullette, Gianfranco Baruchello, Gerry Bibby, Stefano Boeri, Andrea Branzi, Jake Chapman, Hans-Peter Feldmann, Dan Graham, Rodney Graham, Giuseppe Penone, Julia Peyton-Jones, Wolfgang Tillmans, Mierle Laderman Ukeles, Günther Vogt, Sophie von Cundale, Alex Waterman, Andrea Zanzotto.
Ad ospitare il tutto il padiglione dell’architetto svizzero Zumthor, che si presenta come un monolite nero circondato da un corridoio perimetrale con aperture regolari per permettere il passaggio, sfondato all’interno per raccogliere la luce. All’interno il giardino, che i due curatori hanno definito un hortus conclusus, a cura di Piet Oudolf. Curiosi? Ecco qualche immagine.

– Santa Nastro

CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.