L’arte nel contesto politico: sul prossimo Artribune Magazine debutta Vucciria, nuovissima rubrica griffata Angela Madesani

“Il clima che si respira è lo stesso, un clima esasperato, fastidioso, che ci riporta, senza scarto alcuno, alla volgarità sociale del nostro tempo”. Clima? Sì, quello che si poteva respirare nel 1974: “Un anno particolare per la storia sociale del nostro Paese, quello del referendum per il divorzio con il quale gli italiani iniziano […]

Angela Madesani

Il clima che si respira è lo stesso, un clima esasperato, fastidioso, che ci riporta, senza scarto alcuno, alla volgarità sociale del nostro tempo”. Clima? Sì, quello che si poteva respirare nel 1974: “Un anno particolare per la storia sociale del nostro Paese, quello del referendum per il divorzio con il quale gli italiani iniziano ad affrancarsi dallo strapotere del Vaticano”. Ok, ma che c’entra tutto ciò con Artribune? C’entra, perché di 1974 si parla prendendo spunto dall’opera Una tomba per Claretta Petacci o La tomba di Mussolini, firmata da Gino De Dominicis e da Vettor Pisani, con la collaborazione di Carmelo Bene, ma poi si parla anche di Pier Paolo Pasolini…
Ah già, ci siamo dimenticati di dirvi “dove” si parla di queste cose: sul primo numero di Vucciria, nuovissima rubrica al debutto sul prossimo Artribune Magazine, che appunto metterà al centro situazioni nelle quali l’arte si incrocia con la politica, o la sociologia. Un nuovo appuntamento fisso che arricchisce l’offerta del magazine, ma soprattutto arricchisce il prestigio delle nostre penne, visto che a firmarlo sarà Angela Madesani. Che non ha certo bisogno di presentazioni, e che ci limitiamo a ricordare come fra i massimi esperti italici di fotografia, storica e critica d’arte con un lungo elenco di pubblicazioni sulle spalle, curatrice di mostre storiche e docente all’Accademia di Brera di Milano e all’Istituto Europeo del Design di Milano e di Venezia.

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • marcella

    Vucciria,che opera!