Funziona, quando è d’autore. Restyling grafico e nuove funzioni per la rivista culturale online doppiozero

Nell’intricata selva di riviste culturali online, peraltro di ottima fattura, che fortunatamente affolla il panorama italiano – per altri versi gramo a causa delle ben note vicende (e forse, le stesse vicende non sono estranee a questa fioritura…) – spicca certamente doppiozero. Il sito, che è anche un’associazione culturale e una casa editrice, è nato […]

Nell’intricata selva di riviste culturali online, peraltro di ottima fattura, che fortunatamente affolla il panorama italiano – per altri versi gramo a causa delle ben note vicende (e forse, le stesse vicende non sono estranee a questa fioritura…) – spicca certamente doppiozero. Il sito, che è anche un’associazione culturale e una casa editrice, è nato alcuni mesi fa per iniziativa di Marco Belpoliti e Stefano Chiodi, insieme ad un nutrito gruppo di autori e studiosi.
Ora, dopo il doveroso rodaggio, doppiozero si concede un restyling grafico, una struttura agile che riorganizza i materiali e gestisce con funzioni nuove la produzione di questo ambizioso progetto. Più di cento autori hanno infatti contribuito finora alla rivista, che si articola in speciali tematici, rubriche, blog ed editoriali, intrecciando i territori culturali più diversi, dalla letteratura al cinema, dall’arte alla storia.
L’obiettivo dichiarato è quello di innescare incontri e riflessioni sullo stato delle cose in Italia, di attivare l’interpretazione della contemporaneità con uno sguardo critico costantemente rivolto e aperto al futuro. Qualcosa a cui noi di Artribune teniamo particolarmente: per questo, in occasione della nuova veste, facciamo i migliori auguri a doppiozero.

– Christian Caliandro

www.doppiozero.com

CONDIVIDI
Christian Caliandro
Christian Caliandro (1979), storico dell’arte contemporanea, studioso di storia culturale ed esperto di politiche culturali, insegna storia dell’arte presso l’Accademia di Belle Arti di Foggia. È membro del comitato scientifico di Symbola Fondazione per le Qualità italiane. Ha pubblicato “La trasformazione delle immagini. L’inizio del postmoderno tra arte, cinema e teoria, 1977-’83” (Mondadori Electa 2008), “Italia Reloaded. Ripartire con la cultura” (Il Mulino 2011, con Pier Luigi Sacco) e “Italia Revolution. Rinascere con la cultura” (Bompiani 2013). Cura su “Artribune” le rubriche inpratica e cinema; collabora inoltre regolarmente con “La Gazzetta del Mezzogiorno”, “minimaetmoralia”, “che-Fare”. Ha curato mostre personali e collettive, tra cui: “The Idea of Realism // L’idea del realismo” (2013, con Carl D’Alvia), “Concrete Ghost // Fantasma concreto” (2014), entrambe parte del progetto “Cinque Mostre” presso l’American Academy in Rome; “Amalassunta Collaudi. Dieci artisti e Licini” presso la Galleria d’Arte Contemporanea “Osvaldo Licini” di Ascoli Piceno (2014); “Sironi-Burri: un dialogo italiano (1940-1958)” presso lo spazio CUBO (Centro Unipol Bologna, 2015); “RIFTS_Abate, Angelini, Veres” (Artcore, Bari 2015); “Opera Viva Barriera di Milano” (Torino 2016); “La prima notte di quiete” (i7-ArtVerona, 2016).