Dalla polemica contro le leggi anti-P2P, al video per i rivoltosi newyorchesi. La musica di protesta cambia pelle e sceglie Youtube…

È in rete da una settimana appena, e già oltre 18.500 persone hanno cliccato “play”. Un numero incredibile, se si pensa che dietro questo video, lanciato in sordina su Youtube e poi rimbalzato all’impazzata su blog, siti e social network, c’è un venticinquenne quasi  sconosciuto, un rapper inglese molto polical-oriented, che risponde al nome di […]

Dan Bull a una manifestazione contro il Digital Economy Act - Londra, 24 marzo 2010 - foto Rob Knight, Wikimedia Commons

È in rete da una settimana appena, e già oltre 18.500 persone hanno cliccato “play”. Un numero incredibile, se si pensa che dietro questo video, lanciato in sordina su Youtube e poi rimbalzato all’impazzata su blog, siti e social network, c’è un venticinquenne quasi  sconosciuto, un rapper inglese molto polical-oriented, che risponde al nome di Dan Bull.
Il ragazzo aveva già fatto parlare di sé per via dei precedenti video postati sul suo canale: una videolettera dedicata al parlamentare Peter Mandelson, promotore del discusso Digital Economy Act (nuova legge britannica contro il file sharing musicale), e un’altra open letter indirizzata alla pop-singer Lily Allen, “rea” di aver sostenuto pubblicamente la  “cura Mandelson al P2P”.
Ed ecco comparire di nuovo l’intraprendente discepolo di Eminem, stavolta con un videoclip assai suggestivo, tutto dedicato a Occupy Wall Street, il movimento rivoltoso che sta infiammando in questi giorni le strade di New York, sull’onda delle rappresaglie giovanili esplose in Gran Bretagna, Spagna, Inghilterra, Nord Africa.

Un mix di elementi shakerati ad hoc, che ha fatto subito centro. Alle melodie oniriche dell’indimenticabile Street Spirit dei Radiohead, Bull ha sovrapposto la sua voce, distesa in un rap cadenzato, evocativo, tra echi morbidi di dubstep. Le immagini? Tutte di repertorio, tutte in bianco e nero, rubate dai tafferugli di strada newyorchesi: scontri tra polizia e indignados, manifestazioni, street parade, arresti, pestaggi e urla di dissenso.
Il risultato funziona, sfugge alle solite categorie (né video musicale, né microfilm di propaganda, né video d’artista, né tradizionale brano a sfondo sociale) e sfrutta il potere di Internet per circolare in maniera virale. Non sono più i tempi del rock impegnato alla U2, con tanto di megapromozione da parte della major: qui si viaggia alla velocità dei bit, fedeli al sempre più efficace “do it yourself”, penetrando le maglie della rete e magari bypassando il tradizionale concetto di canzone o videoclip. Nel caos indistinto del web, capita così di riuscire pure a farsi sentire. L’inno di Occupy Wall Street adesso esiste e si chiama Wall Street Spirit

–      Helga Marsala


LEGGI ANCHE:
Arte e protesta. A New York c’è l’Occupiennale

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.
  • hm
  • angelo bellobono

    http://www.TheOccupationParty.com

    invito a vedere e magari organizzare qualcosa di simile…perchè è vero che c’è frieze, artissima, gli amici del macro, i nemici degli altri, i cugini di qualche altro, residenze, amigos, nemigos, ricchi forti e poveri deboli …ma poi, specie ora c’è anche disperatamente bisogno di altro

  • helga marsala

    concordo in pieno Angelo. ma qui in Italia lo sai come funziona… si dorme beatamente, al massimo ci si lamenta un po’. il sentimento dell’indignazione è già una conquista. agire, fare fronte comune… non è roba per noi.