Da Torino, alla conquista dell’Italia collezionistica. Pronta a battere i primi lotti la neonata San Carlo Aste

L’attività compiuta inizierà il prossimo 6 dicembre, con un’asta di dipinti antichi, dell’Ottocento, moderni e contemporanei, arredi, design, orologi e gioielli. Che sarà un primo assaggio dei settori che saranno coperti, oltre ad aree collezionistiche specifiche come quella dei vini. Il panorama delle aste tricolori si arricchisce della neonata San Carlo Aste, inaugurata a Torino […]

L’attività compiuta inizierà il prossimo 6 dicembre, con un’asta di dipinti antichi, dell’Ottocento, moderni e contemporanei, arredi, design, orologi e gioielli. Che sarà un primo assaggio dei settori che saranno coperti, oltre ad aree collezionistiche specifiche come quella dei vini.
Il panorama delle aste tricolori si arricchisce della neonata San Carlo Aste, inaugurata a Torino lo scorso 15 ottobre con sede in via Santa Teresa. L’attività nasce dall’incontro da tre personalità provenienti da diverse esperienze: Patrik Launo, direttore artistico, e Giovanni Marocco Carena, direttore delle vendite, che hanno lavorato a lungo per case d’asta in Italia e all’estero, e Pasquale Chianello, presidente e amministratore delegato della società, che viene dal settore del turismo.
Oltre alla sede torinese, San Carlo Aste aprirà i propri uffici anche a Roma, Milano, Bari, Padova, Napoli e Palermo.

– Martina Gambillara

CONDIVIDI
Martina Gambillara
Martina Gambillara (Padova, 1984), laureata in Economia e Gestione dell'Arte, si è interessata fin dai primi anni dell'università al rapporto tra arte e mercato, culminato nella tesi Specialistica in cui ha indagato il fenomeno della speculazione nel mercato dell'arte cinese dell'ultimo decennio. Per passione personale si è costantemente dedicata all'osservazione dei risultati d'asta soprattutto del segmento di Arte Contemporanea, estrapolandone i trend e la correlazione con i mercati finanziari. In seguito il suo interesse si è spostato verso i mercati emergenti, da quello cinese scelto per la sua tesi, a quello sud-asiatico e mediorientale. Ha lavorato per gallerie, case d'asta e dal 2011 fa parte dello staff editoriale di Artribune.