Da David Zwirner a White Cube, tante le adesioni top. Torna a febbraio Vip Art Fair, la fiera d’arte virtuale. Con tanto di Vip lounge…

Nata lo scorso anno suscitando curiosità e perplessità, Vip Art Fair tornerà con la sua seconda edizione il prossimo febbraio 2012, dal 3 all’8, con Vip 2.0, nella sua location virtuale VipArtFair.com. Ma vi ricordate che durante la sua inaugurazione il sistema aveva collassato? Ebbene, quest’anno è stato messo a punto un potenziamento dei server […]

Nata lo scorso anno suscitando curiosità e perplessità, Vip Art Fair tornerà con la sua seconda edizione il prossimo febbraio 2012, dal 3 all’8, con Vip 2.0, nella sua location virtuale VipArtFair.com. Ma vi ricordate che durante la sua inaugurazione il sistema aveva collassato? Ebbene, quest’anno è stato messo a punto un potenziamento dei server per evitare i problemi di sovraccarico per la gran quantità di visite.
All’interno di questo mercato virtuale e ipertecnologico, cento gallerie di 32 paesi presenteranno opere dai 500 a oltre 1 milione di dollari. Tra gli espositori hanno già annunciato la presenza Zwirner (NY), White Cube (Londra), Pace (NY, Pechino), Hetzler (Berlino), Fraenkel (San Francisco), Goodman (NY, Parigi). Due le nuove sezioni all’interno della fiera: Museums ed Editions Hall, con la possibilità di trovare dunque anche le edizioni dei top artists. Inoltre è stato implementata l’integrazione con i social network come Twitter e Facebook, strumenti per l’iPad, con addirittura un Vip lounge che permette le conversazioni tra i collezionisti…

– Martina Gambillara

CONDIVIDI
Martina Gambillara
Martina Gambillara (Padova, 1984), laureata in Economia e Gestione dell'Arte, si è interessata fin dai primi anni dell'università al rapporto tra arte e mercato, culminato nella tesi Specialistica in cui ha indagato il fenomeno della speculazione nel mercato dell'arte cinese dell'ultimo decennio. Per passione personale si è costantemente dedicata all'osservazione dei risultati d'asta soprattutto del segmento di Arte Contemporanea, estrapolandone i trend e la correlazione con i mercati finanziari. In seguito il suo interesse si è spostato verso i mercati emergenti, da quello cinese scelto per la sua tesi, a quello sud-asiatico e mediorientale. Ha lavorato per gallerie, case d'asta e dal 2011 fa parte dello staff editoriale di Artribune.