Aggiornando la voce “artisti italiani oltreconfine”: i neon di Maurizio Nannucci di scena a Salisburgo. Su Artribune un foto-report della mostra

Salisburgo celebra Maurizio Nannucci. Tra i più noti ed apprezzati artisti italiani, Nannucci colleziona a partire dagli anni Sessanta importanti presenze nazionali ed internaizonali, con passaggi alla Biennale di Venezia, a Documenta, alle Biennali di San Paolo, Sydney, Istanbul. Eccolo adesso alla galleria Nikolaus Ruzicska, con una serie di nuovi lavori, prodotti ad hoc. Un […]

Maurizio Nannucci, NEVER MOVE FAR FROM COLOR 1970/2011 - photo by Ulrich Ghezzi, Courtesy Galerie Nikolaus Ruzicska, Salisburgo

Salisburgo celebra Maurizio Nannucci. Tra i più noti ed apprezzati artisti italiani, Nannucci colleziona a partire dagli anni Sessanta importanti presenze nazionali ed internaizonali, con passaggi alla Biennale di Venezia, a Documenta, alle Biennali di San Paolo, Sydney, Istanbul. Eccolo adesso alla galleria Nikolaus Ruzicska, con una serie di nuovi lavori, prodotti ad hoc. Un progetto di respiro museale, costruito intorno a due elementi ricorrenti nella sua ricerca: la luce e la parola.
In tutto sei grandi opere al neon che ritmano lo spazio con esattezza, reinventandolo attraverso la scrittura fattasi immagine, la scultura divenuta segno cromatico e luminoso, la luce tramutatasi in verbo.
L’artista fiorentino, uno degli storici fondatori di BASE – tra i più longevi spazi non profit italiani – combina nella sua ricerca influenze che arrivano dalla poesia concreta, da Fluxus, dall’arte concettuale.
In un perfetto equilibrio tra ambiguità del messaggio e rigore della forma, le installazioni pensate per Salisburgo giocano con suggestioni impalpabili, eppure granitiche: distanza e prossimità, tempo e spazio, sovrapposizioni geometriche e amorose corrispondenze di senso.
Curiosi? Tutti quelli che avranno modo di fare un salto in zona hanno tempo fino al 29 ottobre. Noi, intanto, accontentiamo tutti gli altri con un’ampia gallery fotografica…

– Helga Marsala

www.ruzicska.com

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.
  • Francesca, Venezia

    oh che bello ! Las Vegas di notte…