“Costa troppo, meglio sostenere i giovani artisti”. E La Andy Warhol Foundation decide di chiudere la Commissione Autentiche…

Dopo oltre sedici anni di attività, l’Autentication Board della Warhol Foundation chiude in battenti. La Fondazione, in un comunicato stampa di qualche giorno fa, ha annunciato che non si occuperà più del processo di autentica delle opere del maestro della Pop Art. Le motivazioni? Il Board costa troppo. 500mila dollari all’anno come compenso per i […]

Dopo oltre sedici anni di attività, l’Autentication Board della Warhol Foundation chiude in battenti. La Fondazione, in un comunicato stampa di qualche giorno fa, ha annunciato che non si occuperà più del processo di autentica delle opere del maestro della Pop Art. Le motivazioni? Il Board costa troppo. 500mila dollari all’anno come compenso per i membri della commissione e oltre 7 milioni di dollari in spese legali. L’istituzione, infatti, è sempre stata al centro di polemiche per i suoi criteri di rilascio delle autentiche, che nel caso di un artista come Andy Warhol, che non solo fu estremamente prolifico, ma si serviva di tecniche industriali, dell’ausilio di numerosi assistenti, e non mancava di far uscire dalla Factory opere non firmate o registrate, sono quantomeno complicati da stabilire.
Secondo le dichiarazioni del presidente della Fondazione, Joel Wachs, i soldi risparmiati verranno impiegati in iniziative di finanziamento a supporto degli artisti e delle istituzioni culturali che si occupano di arti visive.
Ovviamente, le polemiche si sono già scatenate, e sicuramente questo evento segna un momento cruciale per il mercato delle opere dell’artista americano, che dovrà prendere atto della situazione e ricalibrarsi. Tanto per darvi un’idea del peso della faccenda, vi basti pensare che la compravendita dei lavori di Warhol nel 2010 ha occupato il 17% dell’intero mercato delle aste…

– Valentina Tanni

www.warholfoundation.org

CONDIVIDI
Valentina Tanni (Roma, 1976) è critica d’arte, curatrice e docente. Si interessa principalmente di new media art e di editoria multimediale. Ha curato numerose mostre, tra cui: la sezione di Net Art di “Media Connection” (Roma e Milano, 2001), le collettive “Netizens” (Roma, 2002) e “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati” (Siracusa, 2003), “Maps and Legends. When Photography Met the Web” (Roma, 2010), “Datascapes” (Roma, 2011) e “Hit the Crowd. Photography in the Age of Crowdsourcing” (Roma, 2012), “Nothing to see here” (Milano, 2013), “Eternal September. The Rise of Amateur Culture” (Lubiana, 2014), “Stop and Go. L'arte delle gif animate” (Roma, 2016). Ha collaborato con i festival di arti digitali Interferenze e Peam ed è stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” (edizioni 2010-2012). Ha scritto per testate nazionali e internazionali e lavorato come docente per istituzioni pubbliche e private. Dal 2011 collabora con Artribune.
  • meglio così, piuttosto che continuare a fornire illusioni e delusioni.