Vi potrebbe interessare fare i prossimi direttori del Mart? Mai dire mai, c’è un cacciatore di teste al lavoro

Come? Avete intercettato un nuovo “rumor” sul futuro direttore del Mart? Lasciate perdere, sono solo chiacchiere. Sì, perché il museo, guidato dall’ex presidente della Biennale di Venezia e Presidente di Telecom Italia Franco Bernabé, conferma la propria voglia di essere i primi della classe, dando al Paese ed al suo sistema dell’arte una lezione di […]

Come? Avete intercettato un nuovo “rumor” sul futuro direttore del Mart? Lasciate perdere, sono solo chiacchiere. Sì, perché il museo, guidato dall’ex presidente della Biennale di Venezia e Presidente di Telecom Italia Franco Bernabé, conferma la propria voglia di essere i primi della classe, dando al Paese ed al suo sistema dell’arte una lezione di meritocrazia. E mentre l’annuncio del “rilancio” di Rivoli, nel Piemonte di Roberto Cota e di Michele Coppola, sta dando la stura ad una serie di polemiche sulla stampa, solo nei giorni scorsi in Trentino il Consiglio di Amministrazione del Mart ha avviato il processo di selezione di un nuovo direttore.
Gabriella Belli com’è noto lascerà il primo dicembre 2011, e il Cda ha preso la cosa molto sul serio. Chiedendo assistenza alla “cacciatrice di teste” Korn/Ferry International, leader mondiale nella ricerca manageriale attiva da  40 anni. “Il processo sarà obiettivo e trasparente -, assicura Bernabè – e dovrà garantire l’individuazione di candidati in possesso sia dei necessari requisiti scientifici che di competenze manageriali e gestionali di alto livello”.
Maurizia Villa, amministratore delegato della società, ha spiegato come funziona. A partire da lunedì 19 settembre e fino al 31 ottobre 2011 verranno esaminate le candidature. I requisiti minimi prevedono il possesso di una laurea in Lettere e Filosofia con tesi in Storia dell’arte moderna e contemporanea o corsi di laurea assimilabili; una specializzazione o dottorato in Storia dell’arte moderna e contemporanea; cinque anni di esperienza museale in area direttiva nell’ambito di istituzioni d’arte moderna e contemporanea italiane o straniere; un minimo di tre anni di attività come curatore anche freelance in istituzioni d’arte moderna e contemporanea; la conoscenza delle lingue italiana e inglese. Scusate se è poco.
Chi passa arriva alle “Forche Caudine” del colloquio, e può entrare nella rosa di candidati che sarà sottoposta alla scelta finale da parte del comitato composto da Franco Bernabè, Presidente del Mart, Isabella Bossi Fedrigotti, Vicepresidente, e Salvatore Settis, presidente del Comitato Scientifico. E non è finita. Il comitato sottoporrà la sua scelta al Consiglio di Amministrazione del Mart. Con queste premesse è difficile che il Mart possa subire la svalutazione della propria immagine sotto i colpi delle polemiche. E se qualcuno adesso vi dice “So chi andrà a dirigere il Mart”, sapete cosa rispondere…

Per indirizzare la propria candidatura:
Korn Ferry International Italia
Sala dei Longobardi 2 – 20122 Milano
02806001
[email protected]

– Nicola Davide Angerame

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • antonio blu

    insomma, in pratica ti devono trovare loro…ma la possibilità d’inviare curriculum a questo benedetto cacciatore di teste ci sarà? o no?

  • Redazione

    In coda all’articolo ci sono tutti i riferimenti!!!