Vento in poppa per Phillips de Pury. A Londra è record anche nella ceramica, con oltre 180mila sterline per Hans Coper

Vale più di tre milioni di dollari il design, per lo più del XX secolo, mandato in asta da Phillips de Pury il 27 settembre a Londra. Con molte altre note positive. Prima tra tutte, il sold out della Berkeley Collection, una raccolta di ceramiche inglesi valutate un milione di dollari. L’asta ha fatto fuori […]

Hans Coper, record con Swinton School Wall

Vale più di tre milioni di dollari il design, per lo più del XX secolo, mandato in asta da Phillips de Pury il 27 settembre a Londra. Con molte altre note positive. Prima tra tutte, il sold out della Berkeley Collection, una raccolta di ceramiche inglesi valutate un milione di dollari. L’asta ha fatto fuori 33 lotti con cifre che hanno superato di gran lunga la stima, in una battaglia agguerrita tra compratori ed aspiranti tali.
La ceramica si riconferma appetibile con il record mondiale di 181mila sterline aggiudicato da Hans Coper con il suo Swinton School Wall del 1962. Si tratta dell’unico lotto della sezione non proveniente dalla Berkeley Collection: fu infatti commissionato da sir Alec Clegg, a quel tempo testa di serie all’ufficio educativo dell’Yorkshire County Council. Rimasta per quattro decenni “dimenticata”, l’opera è stata poi riscoperta dalla curatrice giapponese Maya Nishi, impegnata nella costruzione di una retrospettiva all’artista dedicata, e da Ben Williams, esperto del settore da Phillips De Pury.
Non solo ceramica però. Il catalogo di Phillips de Pury era arricchito per l’occasione da pezzi del dopoguerra italiano e francese con artisti del calibro di Le Corbusier che in compagnia di Doshi realizza un rarissimo tavolo per l’istituto di Indologia di Ahmedabad in India, battuto per 108mila verdoni, un Cabinet di Paolo Buffa, 40mila dollari, Osvaldo Borsani e Arnaldo Pomodoro, 50mila dollari. Non manca Zaha Hadid: il suo White Acqua è stato battuto per oltre 76mila dollari.

– Santa Nastro

CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.