Venga a trovarmi in ufficio. E la mostra si mette in marcia per un Grand Tour negli studi professionali di tutta Italia

Gema Rupérez Alonso, Francesca Capasso, Domenico Cordì, Adelaide Di Nunzio, Anna Ma, Alessandra Mai & Dario De Cristofaro, Monticelli & Pagone, Alì Nasser-Eddine, Nadia Perrotta, Antonella Romano, Vittorio Valente. Ovvero giovani avanguardie del sud del mondo. Così almeno il gruppo di artisti viene definito nella presentazione del progetto Divieto di Affissione, singolare mostra itinerante che […]

Adelaide Di Nunzio - Andromeda

Gema Rupérez Alonso, Francesca Capasso, Domenico Cordì, Adelaide Di Nunzio, Anna Ma, Alessandra Mai & Dario De Cristofaro, Monticelli & Pagone, Alì Nasser-Eddine, Nadia Perrotta, Antonella Romano, Vittorio Valente. Ovvero giovani avanguardie del sud del mondo. Così almeno il gruppo di artisti viene definito nella presentazione del progetto Divieto di Affissione, singolare mostra itinerante che gira l’Italia facendo sosta presso professionisti interessati a trasformare per brevi periodi di tempo il loro studio in un punto d’incontro tra arte e lavoro. Nella tappa romana la sfida è stata accolta da Gennaro Terracciano, amministrativista con il pallino per l’arte contemporanea, che ospita la mostra nel suo studio di Largo Arenula con affaccio sull’area sacra di Torre Argentina.
Un percorso che, inauguratosi lo scorso dicembre a Napoli, dopo la tappa romana presso lo Studio Legale Terracciano volgerà verso nord, toccando Firenze e Torino, per poi ripiegare su Palermo e riprendere la via di Roma, passando per Capri. “Ma il nostro itinerario, work in progress, si arricchirà di nuove, impreviste soste – dichiara la  curatrice Giuliana Ippolito -. Non siamo legati a un calendario rigido, lungo il cammino incontriamo nuovi sostenitori disposti ad ospitarci nei luoghi in cui si svolge la loro vita professionale”.

Dal 5 settembre al 5 ottobre 2011
Largo Arenula 34 – Roma
www.numen.it

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.