The Art Army sbarca a New York. Un plotone di action figures dedicate al mondo dell’arte. Da Ai Weiwei a Murakami, passando per Jenny Holzer e Jeff Koons…

Michael Leavitt, vulcanico creativo americano con base a Seattle, ha iniziato la serie Art Army nel 2002, trasformando artisti e altri personaggi famosi in ironiche action figures. I pupazzi, che sono stati utilizzati da Leavitt anche per girare dei cortometraggi in stop-motion, si sono incredibilmente moltiplicati negli anni, diventando una numerosissima armata. Un plotone di […]

Mike Leavitt - Damien Hirst

Michael Leavitt, vulcanico creativo americano con base a Seattle, ha iniziato la serie Art Army nel 2002, trasformando artisti e altri personaggi famosi in ironiche action figures. I pupazzi, che sono stati utilizzati da Leavitt anche per girare dei cortometraggi in stop-motion, si sono incredibilmente moltiplicati negli anni, diventando una numerosissima armata. Un plotone di agguerrite figurine di plastica che sono da qualche giorno in mostra a New York presso la Jonathan Levine Gallery, dove resteranno visibili fino al prossimo 8 Ottobre.
Per la prima volta, Leavitt prende di mira anche moltissimi artisti viventi: da Takashi Murakami a Jeff Koons, da Ai Weiwei a Damien Hirst, fino a Jenny Holzer e Cindy Sherman. E molti, molti altri. Godeteveli tutti nella nostra gallery…

– Valentina Tanni

www.jonathanlevinegallery.com
www.intuitionkitchenproductions.com


CONDIVIDI
Valentina Tanni (Roma, 1976) è critica d’arte, curatrice e docente. Si interessa principalmente di new media art e di editoria multimediale. Ha curato numerose mostre, tra cui: la sezione di Net Art di “Media Connection” (Roma e Milano, 2001), le collettive “Netizens” (Roma, 2002) e “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati” (Siracusa, 2003), “Maps and Legends. When Photography Met the Web” (Roma, 2010), “Datascapes” (Roma, 2011) e “Hit the Crowd. Photography in the Age of Crowdsourcing” (Roma, 2012), “Nothing to see here” (Milano, 2013), “Eternal September. The Rise of Amateur Culture” (Lubiana, 2014), “Stop and Go. L'arte delle gif animate” (Roma, 2016). Ha collaborato con i festival di arti digitali Interferenze e Peam ed è stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” (edizioni 2010-2012). Ha scritto per testate nazionali e internazionali e lavorato come docente per istituzioni pubbliche e private. Dal 2011 collabora con Artribune.
  • Luca Rossi

    non male divertente

  • augusta

    sì divertente.
    Seattle…un’atmosfera a parte.