Si chiama Let’s chic it!, si dice chiki. Un po’ foulard, un po’ borsa, viene da Bologna l’ultima novità del design giovane ed eco-friendly

Dove mettere il vosto ultimo numero di Artribune? Se non ci sta nella borsa, la risposta è chiki, sottotitolo Let’s chic it!. Il concetto è semplice: un foulard che, grazie a pochi nodi, si trasforma in borsa. Dalla tradizione del furoshiki giapponese, disponibile in due colori, nasce questa rivisitazione contemporanea e tutta Made in Italy, […]

Dove mettere il vosto ultimo numero di Artribune? Se non ci sta nella borsa, la risposta è chiki, sottotitolo Let’s chic it!. Il concetto è semplice: un foulard che, grazie a pochi nodi, si trasforma in borsa. Dalla tradizione del furoshiki giapponese, disponibile in due colori, nasce questa rivisitazione contemporanea e tutta Made in Italy, dal design (di Lorella Pierdicca) alla produzione.
Gli ideatori sono un gruppo di giovani creativi, comunicatori, professionisti di Bologna i quali, uniti dalla passione per la moda e per il design, hanno dato vita ad un accessorio versatile e funzionale che desidera essere il numero uno del nuovo brand Il Paradiso dei Calzini, il quale punterà tutto sul mettere in pratica i sogni del cassetto di giovani creativi.
Gli utilizzi sono infiniti e tutti eco-friendly, dal pacco dei giornali alla spesa, dal “fagotto” per un pic nic un po’ retro a un modo prezioso per impacchettare un regalo. Usi e forme sono lasciati, inoltre, alla creatività di chi lo indossa, ma per iniziare la confezione (e il sito web, dove è possibile anche ordinarlo) contengono tutte le istruzioni…

– Santa Nastro

www.chiki.it


CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.