Questa Chelsea non è un albergo. E invece sì. Apre in questi giorni l’Hotel Americano, la vostra nuova casa nel gallery district newyorkese

Dunque, dunque. Siete risoluti nell’organizzare una trasferta newyorkese in occasione del re-opening delle gallerie di Chelsea, volete, costi quel che costi, dormire in uno dei più trendy hotel della città e considerate l’Ace Hotel o l’Houston Hotel troppo distanti dal gallery district della Grande Mela? Beh, niente paura. Da qualche ora a questa parte c’è […]

Dunque, dunque. Siete risoluti nell’organizzare una trasferta newyorkese in occasione del re-opening delle gallerie di Chelsea, volete, costi quel che costi, dormire in uno dei più trendy hotel della città e considerate l’Ace Hotel o l’Houston Hotel troppo distanti dal gallery district della Grande Mela? Beh, niente paura. Da qualche ora a questa parte c’è quello che fa per voi: un hotel nuovissimo e cool quanto basta ingemmato nella Ventisettesima strada, tra la Decima e la Undicesima Avenue, come dire: tutte le maggiori gallerie del mondo a portata di cinque minuti di passeggiata.
La novità, che sta creando agitazione nell’industria ricettiva della metropoli nordamericana, si chiama Hotel Americano ed è diretta emanazione di una catena messicana di designhotels (il Grupo Habita) che con questa apertura sbarca a New York col botto. Attaccato all’ormai famoso parco sospeso della High Line, l’hotel è molto atteso nei suoi esiti urbanistici perché promette di riqualificare un’area un po’ marginale e squallida di Chelsea.
L’offerta parla di una piscina sul roof top con un caffè che potete giurarci diventerà la metà primaverile di galleristi in trattativa con grandi clienti, di un ristorante “franco-latino” fronte strada e di 56 stanze tutte arredate da Arnaud Montigny in un “guscio” frutto del disegno dell’architetto messicano Enrique Norten. Curioso il sito della nuova struttura ricettiva: praticamente un blog con notizie sul quartiere. E basta. Prezzi? Si parte da 400 dollari.

www.hotel-americano.com


CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.