Questa ce l’ho, questa mi manca. A Roma Palazzo Incontro mette in mostra 50 anni di storia italiana nelle figurine Panini

Ci fosse stato ancora Walter Veltroni al Campidoglio, qualcuno – c’è da scommetterci – se ne sarebbe uscito fuori con la storia del conflitto di interesse. Eh sì, perché è stranota la sua passione – ammantata abbastanza spericolatamente da valenze antropologiche – per le figurine Panini: ed ora a Roma Palazzo Incontro dedica una mostra […]

Ci fosse stato ancora Walter Veltroni al Campidoglio, qualcuno – c’è da scommetterci – se ne sarebbe uscito fuori con la storia del conflitto di interesse. Eh sì, perché è stranota la sua passione – ammantata abbastanza spericolatamente da valenze antropologiche – per le figurine Panini: ed ora a Roma Palazzo Incontro dedica una mostra proprio alla storia degli “stickers” all’italiana, in occasione del 50° anniversario di fondazione della casa editrice modenese.
Veltroni non sta più al colle, ma non per questo l’esposizione perde di curiosità: scoprire alcuni degli aspetti meno noti di una vicenda familiare, imprenditoriale e culturale estremamente ricca e variegata, e allo stesso tempo ripercorrere mezzo secolo di vita italiana, punteggiata dai tanti temi che hanno fornito spunto per una raccolta. Dalla fiction televisiva – con Sandokan e Pinocchio di Comencini – ai cartoni animati, con Heidi e Remi, le grandi manifestazioni sportive internazionali – dalle Olimpiadi di Monaco del 72 ai mondiali di calcio del Sudafrica -, le saghe hollywoodiane come Guerre Stellari e Harry Potter. Solito succoso assaggio, nella fotogallery di Artribune

Dal 14 settembre al 23 ottobre 2011
Via dei Prefetti 22 – Roma
www.fandangoincontro.it


CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • FIGURINE X LA MIE RICERCHE

    Parigi. Brasserie del Boulevard des Italiens.
    K2, tirolese infiltrato nel sistema dell’arte, e il pittore Gian-ugo attendono la critica d’arte Madame Connaisseur.

    Gian-ugo: Ti raccomando. Madame Connaisseur è un pezzo grosso. Se mi fai fare una brutta figura con questa qui…sono fritto.

    K2: Nn t preokkupare

    Gian-ugo: Mi preoccupo, invece…di arte non ne sai una minchia liofilizzata!

    K2: Chettecreti, ank’io leggo i siti t’arte contepporanea! Exi-Bart Simpson, Undo-vai.net ecc… Ho fisto tutte le Piennali di Fenezia. Rakkontiamo a Matame una palla. Diciamole ke sono un tirolese kollezionista t’arte.

    Gian-ugo: Sei sicuro di saper recitare bene la parte?

    (Arriva Madame Connaisseur trascinando i piedi. Crolla sulla sedia. Estrae dalla tasca un taccuino e inizia a scrivere)

    Gian-ugo: Bonjour Madame!

    Madame C : Bonjour un corno! Sono sfinita. Ho un attacco di stanchite acutissima. Sto organizzando un’esposizione di Daniel Buren. Ci vogliono decine di assistenti. Legga qui (sfoglia il taccuino): assicuratore, badante, spolveratore, idraulico, antennista, avvitatore, svitatore, depilatore, ciclista… Passo intere giornate a fare e disfare le liste dei collaboratori. Un rebus senza fine. Ufff!

    Gian-ugo: Ah! L’artista francese Daniel Buren…trovo ipnotiche quelle sue opere a strisce rosse e bianche…

    K2: La maglie tei biankorossi!

    Madame C.: Mmmm…anche lei bazzica il mondo dell’arte?

    K2: Zono kollezionista

    Madame C: Di cosa?

    K2: Album Panini, ma anke “le figurine x le mie ricerke”. Guardi! (le mostra figurine di calciatori) Materazzi, Valcareggi, Jovanotti/Jovanotte, Luciana Turina, i Pupo siciliani [della nazionale cantanti]. DJ Molella [della nazionale DJ]. Barbara Alberti, Bob-Dylan-Dog, Isabella Biagini [in panchina]. Amelie & Bovary, Re Gigi XV, Jean Val-jean, Jean Tin-Tin, Solange [nazionale francese]. Pippo-Franco-Battiato, la Scicolone, El Mariachi [nazionale marziana]. Giacinto di Pietrantonio, “Lo Strega”, Zio Tibia [della nazionale pauuuuuura]. Loredana Lipperatura, Luca-Rossi-Blissett [nazionale blogghisti]. Silvan, Sylvie Vartan, Ga-là Da-lì, la Maja vestida, l’Ape Maia desnuda, Go-ja na voja, Ciucia-caenassi, Zuccherelli…

    Gian-ugo: Stooooooop!

    K2:…inzomma, album kompleti Panini. Le figurine formato fototezzera sono di Thomas Ruff. 700 x tomo.

    Gian-ugo: K2 ha un debole per il Settecento!

    Madame C: Giovanni Paolo Pannini, il vedutista del Settecento! Ne possiedo uno. L’ho appeso in camera da letto, accanto ad un olio di Pompeo Batoni.

    K2: Eeeeeeh battoni – kome no – ne konosco io di battoni!

    Madame C: Eclettico al 100%!

    K2: …ma in mia kamera ta letto ho kollokato la “Fenere dei calzini” ti Mikelancelo. Un Klazziko.

    Gian-ugo: (gomitata a K2) Intendi “La venere degli stracci” di Michelangelo Pistoletto, l’installazione con una scultura tra gli stracci. Stracci, non calzini! E’ vietato esporre opere tossiche. La venere, se fossero calzini, sarebbe ridotta una mezza scheggia!

    Madame C.: Sono curiosa di sapere cosa ne pensate in Tirolo dell’arte contemporanea. Ad esempio…le piace l’artista tedesco Joseph Beuys, quello che si è chiuso per giorni in una stanza con un coyote tedesco?

    K2: Ja! (canta jodel) Ja-Ja-Ja-hi-ho!

    Madame C: Il suo Duchamp preferito?

    K2: Seconto me du shampoo alla settimana nn bastano.

    Madame C: Le piace Sissì, la bravà italienne che ha vinto il Premio Fuffa?

    K2: Pellissima la “Sissi” di Romy Schneider! Film uniko in kitschtecnicolor…solo Fisconti ha fatto meglio mettento nelle sue kolonne sonore “la kafalcata delle suocere-walchirie” di Wagner!

    Gian-ugo: (Rosso di rabbia) Forse ti riferisci al “Ludwig” di Visconti…(Lascia cadere la forchetta) TLIIIINNNN- Ah!… mi aiuti a cercarla? (K2 e Gian-ugo carponi sul pavimento. Gemiti. Il tavolo traballa. Gian-ugo si risiede).

    Madame C: K2 dovè? (alza la tovaglia. K2, legato, ha un tovagliolo ficcato in bocca). Ma…

    Gian-ugo: Hemm…una variante tirolese delle mascherine anti-smog.

    Madame.C: A tavola? E come mangia?

    Gian-ugo: Ce la fa, ce la fa.

    Madame.C: Mi domando in che modo…

    Gian-ugo: E che ne so? E’ un vegano, un veget-art-iano, si nutre guardando cartoni animati!

    K2: (tenta di cantare uno jodel)