Marina Abramovic e l’ex fabbrica di frigoriferi. Online il video di presentazione del MACCO, futuro centro d’arte multimediale montenegrino

Il MACCO Cetinje (Marina Abramović Community Centre Obod Cetinje), centro d’arte multimediale ideato da lady performance Marina Abramović su richiesta esplicita del Ministro della Cultura montenegrino, sorgerà nel 2013 a Cetinje, in una ex fabbrica di frigoriferi grande 140mila metri quadrati. Il concept del centro, presentato alla Biennale di Venezia nell’ambito del Padiglione del Montenegro, […]

Marina Abramovic

Il MACCO Cetinje (Marina Abramović Community Centre Obod Cetinje), centro d’arte multimediale ideato da lady performance Marina Abramović su richiesta esplicita del Ministro della Cultura montenegrino, sorgerà nel 2013 a Cetinje, in una ex fabbrica di frigoriferi grande 140mila metri quadrati. Il concept del centro, presentato alla Biennale di Venezia nell’ambito del Padiglione del Montenegro, viene raccontato dalla Abramović in persona in un breve e toccante cortometraggio diretto da Milica Zec.
Nel filmato – da pochi giorni disponibile anche online – l’artista ripercorre la genesi del progetto e la sua volontà, attraverso di esso, di riconnettersi alle proprie radici, lasciare una chiara eredità del proprio quarantennale lavoro di ricerca nel campo della performance art e, infine, incentivare la produzione artistica e lo sviluppo culturale dell’area.

– Valentina Tanni

www.maccocetinje.me

CONDIVIDI
Valentina Tanni (Roma, 1976) è critica d’arte, curatrice e docente. Si interessa principalmente di new media art e di editoria multimediale. Ha curato numerose mostre, tra cui: la sezione di Net Art di “Media Connection” (Roma e Milano, 2001), le collettive “Netizens” (Roma, 2002) e “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati” (Siracusa, 2003), “Maps and Legends. When Photography Met the Web” (Roma, 2010), “Datascapes” (Roma, 2011) e “Hit the Crowd. Photography in the Age of Crowdsourcing” (Roma, 2012), “Nothing to see here” (Milano, 2013), “Eternal September. The Rise of Amateur Culture” (Lubiana, 2014), “Stop and Go. L'arte delle gif animate” (Roma, 2016). Ha collaborato con i festival di arti digitali Interferenze e Peam ed è stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” (edizioni 2010-2012). Ha scritto per testate nazionali e internazionali e lavorato come docente per istituzioni pubbliche e private. Dal 2011 collabora con Artribune.
  • Visto a Venezia, un nuovo progetto entusiasmante della Grande Marina…sempre bellissima