Macché Damien Hirst, qui si espongono cadaveri veri. Arriva a Roma Body Worlds, la mostra dei record e delle sicure polemiche. Foto in anteprima solo per stomaci forti

Siete in dubbio fra MoMA, Louvre, Guggenheim? Niente da fare, se cercate informazioni sulla mostra più visitata della storia, siete proprio fuori strada. Vi risulta che questi musei abbiano mai registrato bilanci dell’ordine dei 33 milioni di visitatori? Perché tanti ne ha accumulati – in più di sessanta città del mondo, d’accordo – la mostra […]

Siete in dubbio fra MoMA, Louvre, Guggenheim? Niente da fare, se cercate informazioni sulla mostra più visitata della storia, siete proprio fuori strada. Vi risulta che questi musei abbiano mai registrato bilanci dell’ordine dei 33 milioni di visitatori? Perché tanti ne ha accumulati – in più di sessanta città del mondo, d’accordo – la mostra Body Worlds – Il vero mondo del corpo umano, che espone… cadaveri.
Veri corpi umani conservati grazie all’invenzione di Gunther von Hagens, la cosiddetta plastinazione, una tecnica che gli permette di ottenere corpi plastinati durevoli e fedeli alla natura mediante un’impregnazione sotto vuoto. Ora la mostra giunge a Roma, e c’è da scommettere che non mancheranno le polemiche per questa esibizione che sfida i limiti della bioetica (ed anche dello stomaco?), da un punto di vista affatto nuovo ed intraprendente.
La tappa capitolina, una prima per l’Italia, terrà banco per cinque mesi negli spazi delle Officine Farneto, suggestivo esempio di archeologia industriale nella zona del Foro Italico. Il percorso – 200 organi e sezioni, e 20 corpi interi plastinati – sarà dedicato al cuore: dall’inizio della vita alle patologie che possono alterarne e minarne il funzionamento, fino alla morte. Comunque la pensiate, Artribune anche in questo caso vi mette a disposizione in anteprima le immagini “rubate” negli allestimenti: buona visione, magari dopo aver distratto i bambini…

Inaugurazione: martedì 13 settembre 2011 (su invito)
Dal 13 settembre 2011 al 12 febbraio 2012
Via dei Monti della Farnesina 73 (zona Stadio Olimpico) – Roma
www.bodyworlds.it


  • Valeria

    Sono anni che questo baraccone ridicolo gira per il mondo. Basta, per pietà

    • UUUAAAAHHHHHH (sbadiglio)! Che palle, che noia, quanta falsità in questo tipo di pseudo arte. L’arte, quella vera, ti stupisce con poco, basta l’abbozzo di un’idea e tu rimani lì a ringraziare il fatto di godere di un unico accenno di poesia. Qui si capisce subito dove si vuole andare a parare ed uno dovrebbe fare lo scandalizzato, oppure fare quello che”….beh, sai la profondità del confronto con la morte….bla bla bla, la presa di coscienza della deperibilità del corpo…bla bla bla”. E che due palle! La morte qui c’è, ma soprattutto del buon senso e della cultura con la C. Queste mostre ricordano le bestemmie dette al grande fratello per colpire il popolino. Una pena.

      • ale

        io frequento un liceo artistico dove insegnano che l’arte non sempre deve stupire o emozionare , ma deve passare un insegnamento , un po di cultura perchè troppo facile esaltarsi per qualcosa come una tela che riconoscere uno studio dei volumi applicato all’anatomia schizzato su in foglio A4 . credo che questa mostra andrebbe sponsorizzata per delle scuole d’arte invece che resa accessibile anche alle famiglie,ok. comunque nel tuo caso non riconosceresti uno sforzo artistico neppure se leonardo da vinci in persona ti venisse a randellare sulla testa …tranquillo

  • Giulio

    l’ho vista a Berlino… Non fa così impressione come sembra e ho visto cose che altrimenti non avrei mai visto. Certo la donna incinta è un po’ troppo forte…

    • Fiorella

      Concordo con te Giulio… la donna incinta è l’immagine che più mi è rimasta impressa…

  • hm

    ma perchè censurano hirst per una vagina e sta sbobba indegna la lasciano? la morte è meno censurabile della vita? considerando la quantità industriale di film horror che mettono in heavy rotation tutte le sere su sky rai4 movie iris etc direi che in questa fase funziona così .

  • hm

    già il titolo è ridicolo, forse il vero mondo del corpo umano è quello abitato dal corpo umano nel lasso di tempo in cui è in vita . altrimenti meglio la piramide di cheope .

  • va bè
    proviamo a vederla come una mostra “scientifica”, una specie di excursus sull’anatomia umana.
    chiaro è che se fosse stata intesa veramente come arte…allora siamo di nuovo nel campo delle mostre show.

  • Mastino

    che novità sarebbe? Ma ci siete mai stati alla Specola di Firenze? Le cere dello Zumbo sono realistiche tanto quanto, l’arte anatomica è roba antica meglio così che in formalina…

  • NIENTE DA COMMENTARE.
    PURTROPPO NELLA REALTA’ GLI ORRORI SONO INFINITI, ALMENO EVITIAMOLI NELL’ARTE.

  • che schifo

  • augusta

    Ma è una mostra scientifica! A NYC fu inaugurata nel 2007 , non ricordo in che mese, io la visitai a dicembre.
    E’ una mostra didattica, interessante perchè fruibile a tutti. molte famiglie ci portavano i bambini.
    Mi stupisce che arrivi in Italia dopo 4 anni.
    E’ il metodo di conservazione di ogni singolo pezzo del corpo umano che è molto interessante ed anche il percorso. le luci. Alcuni pezzi sono stupefacenti come tutto il sistema cardiocircolatorio blu e rosso appeso nel vuoto, etc.
    Non credo che nessuno abbia mai preteso di catalogarla come mostra d’arte.
    Alla fine del percorso, per prevenzione, sono esposti organi malati e sani . polmone sano polmone del fumatore, etc.
    che schifo? mah! è come siamo fatti dentro.
    Come diceva il Buddha è tutto relativo, se fossimo fatti al contrario con tutti gli organi all’esterno? magari impareremmo ad apprezzare come è sano il nostro fegato e pulito il nostro intestino, o ci faremmo i complimenti per uno stomaco di ferro..nonostante il nervosismo:-)

    • giorgio

      Non è proprio la stessa mostra,
      quella si chiamava The Bodies ed era organizzata da una università americana (non miricordo quale), io l’ho vista nel luglio 2009 e mi ricordo bene il disclaimer all’inizio della mostra, nel quale gli organizzatori specificavano che non avevano alcun rapporto con la produzione di Hagens.

    • mvittoria

      finalmente un commento intelligente, è scienza non arte. e non vedo cosa ci sia di così schifoso nel far vedere come siamo fatti dentro

    • chango

      concordo perfettamente.

  • E’ vero che il corpo umano è la più grande invenzione, insieme alle altre meraviglie della natura, che sia oggi possibile osservare però l’ha inventata qualcun altro.

    Certo, pur di stupire c’è chi non si ferma davanti a niente!

  • Teresa

    Quello che preoccupa è questa necrofilia imperante spacciata per arte….ammesso che questi poveri resti siano umani e non sintetici come mi pare di vedere.
    Questo gusto voyeristico di chi corre a vedere questo genere di mostre la dice lunga sul grado di evoluzione spirituale e mentale cui è arrivata l’umanità

  • Giorgio Di Genova

    Quando le idee e la creatività latitano si ricorre al sesso o alla morte per attirare il lato peggiore della curiosità delle folle. E’ un segno del degrado in cui siamo sprofondati ormai. L’esposizione non appartiene all’arte e nemmeno alla scienza, né è valida sul piano storico su aspetti nascosti dai veli del tempo, come fu la mostra delle macchine di tortura, che qualche insegnamento sulla natura dell’uomo e sulle crudeltà a cui potere e religione possono giungere.
    Non andrò a vedere la mostra, che non è nemmeno all’altezza di Andres Serrano o della Cappella Sansevero di Napoli, che, al di là delle informazioni anatomiche, almeno contiene alcune sculture srtrabilianti per la tecnica, ottenuta con mezzi alchimistici.

    • SAVINO MARSEGLIA (curatore indipendente)

      Una mostra sull’ anatomia umana… be, direi sarebbe molto più interessante e istruttivo recarsi a visitare il museo della specola, in via romana a Firenze.

  • Una decina d’anni fa visitavo lo studio di un noto scultore; avevo sete, e mi offriva una birra prelevata dal frigorifero, raccogliendo anche un cartoccio con una costata di manzo… … è Rauschenberg: mi diceva con orgoglio. Qualche anno dopo l’artista era a casa mia ,e quando ero con lui vicino al frigo di casa, aprivo il frizer e gli mostravo una braciola incartata.. ….. è maiale! gli dicevo. Dopo le inutili ” macellerie” ( per vedere queste ccose basta recarsi in un negozio di carni!), ora vediamo in esposizione dei “cadaveri”…e se proprio qualcuno è provvisto del senso macabro.e ha urgenza di vedere qualche morto ” intero” basta che si rechi. a qualche veglia funebre , se lo vuole ” squartato” che lo scriva,; lo mettrei in contatto con un mio parente, che tiene lezioni di anatomia all’Università di Ferrara. Quello che mi meraviglia è queste “schifosità” fannmo notizia e i media ci ricamano sopra……creando macabra curiosità ai deboli d’intelligenza, trasformando la pietosa cosa in un successo…….
    Ma non converrebbe trascurare certe notizie (d’arte?) ?

  • LOLA

    SOLO IN ITALIA FA ANCORA COSì SCALPORE VEDERE UN CORPO UMANO….è PAZZESCO CHE SE NE PARLI CON QUESTO DISPREZZO E DISTACCO è QUELLO CHE SIAMO , LO TROVO UNA COSA INTERESSANTE DAL PUNTO DI VISTA SCENTIFICO E FILOSOFICO…….MI FA PIù ORRORE PENSARE CHE NEL 2011 C’è GENTE ANCORA CHE CREDE CI SIA UN SIGNORE CHE STA SULLE NUVOLE E DECIDE SE SIAMO BUONI O CATTIVI.

    • LOLA

      SCUSATE “SCIENTIFICO”

    • hm

      il signore sulle nuvole è una semplicistica visione cristogiudaica (anzi nemmeno è stata copiata da altre religioni antecedenti, alcuni dicono che sia solo una semplificazione data al volgo dell’atterraggio dei primi alieni), già il fatto di limitare la religione a quello la dice lunga sulla tua chiusura mentale narrow minded nonchè sul lavaggio del cervello che hai subito fin da piccola dai rabbipreti catechisti . del tipo o esiste la religione cristogiudaica o l’ateismo progressista, almeno renditi conto di quanto sei limitata . ah poi vedere quei corpi umani non fa scalpore non hai capito, fa semplicemente cagare ed è utile come lassativo per la mobilità intestinale . quindi al posto di questa mostra bastava una pubblicità della dolce euchessina .

      • LOLA

        non è che volevo scrivere qua un trattato su che cosa sia la religione e il suo simbolismo …se con due parole pensi di poter conoscere tutta la mia vita i miei catechisti…..sempre che ce l’ abbia mai avuti !. e comunque sputare sentenze su persone e cose in maniera cosi feroce mi da da pensare che il macabro risiede anche dove non si immaginerebbe mai……….

    • Daniele

      Sulla prima parte sono d’accordo, sulla seconda direi che se quel SIGNORE che pensi sia un orrore, beh, pensa che se esiste l’orrore sarebbe doverci fare i conti dopo un commento (diciamo), così poco… intelligente

  • LOLA

    NON è LA MORTE IL TEMA….è LA POSSIBILITà DI VEDERE COSA SIAMO E SAREMO E ROMPERE IL TABù DELLLA SACRALITà DEL CORPO DOPO LA MORTE (CHE HANNO SOLO I CRISTIANI. )….è QUESTO CHE NN VIENE CAPITO FORSE, IL MACABRO LO TROVIAMO TUTTI I GIORNI AL TG E SUI GIORNALI…..MA NESSUNO SI ACCANISCE COSì TANTO DA BOICOTTARLI.

  • LOLA, HAI DIMENTICATO CHE GLI ETRUSCHI E GLI EGIZIANI NON ERANO CRISTIANI…….
    Hai ragione su un punto… il macabro lo troviamo tutti i giorni sui giornali e non… ma c’è gente che gode di questo…… evviva

  • ada e le sue sorelle

    secondo noi è solo noiosa
    saluti

  • Teresa

    Cara Lola sei così ingenua da non accorgerti che c’è tutto un business dietro questa mostra che nulla ha di filosofico ma semmai sfrutta la credulità e una malsana curiosità della gente…quante volte nei pressi di un incidente stradale si vedono folti capannelli di persone che stanno a curiosare e aspettano di vedere il morto di turno, magari con un bel po’ di sangue.
    Ha ragione il professor Giorgio Di Genova a dire che questo è un segno del degrado culturale e morale in cui siamo sprofondati.

  • lola

    bhè, forse (magari mi sbaglio) vi soffermate solo sul fatto che sono cadaveri , sul lato macabro e sicuramente tanti saranno attratti solo da quello e non che sia un’ opportunità per osservare il corpo nella sua complessità , per quanto mi riguarda (non so se chi parla ha visitato la mostra o si è documentato) quello squallore per il macabro fine a se stesso che fate aleggiare nelle vostre critiche io non l’ho trovato, Infondo Anche leonardo e non solo, ha basato il propri studi sull’ anatomia e non perchè era un inviato di studio aperto! il corpo è la forma d’arte per eccellenza, classico fuori astratto dentro se vuoi!…mi chiedoinvece perchè non sia
    all ‘ordine del giorno poter vedere e conoscere come siamo, magari senza tabù ci sarebbero anche meno stolti affamati di corpi straziati e cronaca nera….credo che ognuno possa sfruttare o meno questa mostra come meglio crede a discrezione della propria intelligenza . non trovo giusto criticarla così brutalmente…. c’è di peggio.

    • hm

      – magari senza tabù ci sarebbero anche meno stolti affamati di corpi straziati e cronaca nera…. –

      in realtà senza tabù c’è solo più gente affamata .

      • LOLA

        dipende….è un ottimo metodo insieme alla paura per controllare…….

        • hm

          appunto . quindi vorresti che la gente andasse in giro a squartare altra gente per esporne le interiora liberamente senza controllo? forse dovevi rispondermi che dipende dal tipo di tabù .

  • gp

    un furbo: usa il verbo “arte” per un piano che in un fumetto sarebbe geniale: si fa donare dei corpi A GRATIS. Poi una volta cadaveri li utilizza per delle scenette poco rispettose, ma nessuno dice niente perchè c’è la scusa di essere un “artista” facendo pagare un bel pò il biglietto (cavoli non hai detto nulla per lo squalo mò su lo zio ti stai zitto). Ma di più: se doni il corpo ma vieni considerato uno sfigato anche da morto da non riuscire ad andare a mostra (peccato, potevi finire a fare il portiere che non riusciva a parare il rigore, che bello!) niente paura, il tuo cadavere viene sezionato e con la forza del cappello di Beyus viene venduto a prezzi niente male. Esempio volete una sezione di cervello umano a poco meno di 700€ ? eccovi accontentati: http://www.plastination-products.com/ acquisti on line con carta di credito e devi solo dichiarare che sei interessato scientificamente… insomma, la sua è l’arte della compravendita di cadaveri….

  • perfette illusioni

    Ridicolo! in Italia mancano i soldi per fare le cose serie e dobbiamo sopportare che vengano spesi per cose del genere! ma tanto a noi italiani va bene tutto e non ci ribelliamo su niente! se ci dessero in pasto ai leoni, noi ci faremmo mangiare! è così!!!! ora dico, ma il rispetto per im morti? è arte quella? assolutamente ridicolo e mi sento indignato a vedere esposte cose del genere!!!!!!

  • terry

    Ma il rispetto per un morto…? Il fatto che sia stato una persona, è solo un trascurabile dettaglio? E come mai questi cadaveri non hanno avuto sepoltura? Forse erano dei poveracci, come quelli che vengono usati nelle aule di anatomia. Poveracci da vivi e da morti. Anzi no, da morti gli diamo la pseudo dignità di essere messi in mostra. Fenomeni da baraccone. Il macabro/horror/mortifero della pesudocultura modaiola della frattaglia…spazzatura e segno dei tempi.

  • hm

    sì ma poi questo è il minimo, c’è gente che si dà appuntamento all’obitorio per vedere i cadaveri, uno di questi potrebbe anche essere il tuo medico di fiducia necrofilo che si alza alla mattina presto per entrare in un obitorio a guardare e toccare cadaveri . chiaramente c’è sempre qualcuno che lo avvisa delle morti più fresche in modo che possa accorrere ad estasiarsi, i necrofili si aiutano tra loro e hanno tabelle di cadaveri ben precise .

  • biasi

    se trovate indegna un’esposizione del genere perche si utilizzano corpi veri allora dovreste criticare anche i resti di pompei…anche la cattedrale di otranto (Lecce).. ed anche i monaci di montecassino che hanno esposti da piu di 300 anni scheletri vivi e gente (santi o parti del corpo di santi) imbalsamata..provate ad indignarvi anche di ste cose e ingoiate il gozzo che evidentemente ora nn scende su!!siate un po pragmatici!!

    • terry

      seeeee….vabbè….ciao core.

    • hm

      – ed anche i monaci di montecassino che hanno esposti da piu di 300 anni scheletri vivi e gente (santi o parti del corpo di santi) imbalsamata.. –

      non hai capito, l’indignazione è altro . questi fanno solo cagare . in ogni caso si sa da tempo che la religione giudeocristiana è necrofila e atta all’adorazione della morte, non vedo cosa ci sia di strano . anche bagnasco preferisce rimproverare berlusconi perchè gli piace la vagina mentre se ci fossero resti di cadaveri putrefatti di monaci nella sua cantina probabilmente non batterebbe ciglio . anzi ci si inginocchierebbe sopra .

  • hm

    nella cantina di bagnasco ovviamente non in quella di berlusconi . pervasa di aura di santità .

  • eva

    Lascia stare berlusconi..lui non c’era e se c’era dormiva!

    Si puo’ evitare di parlare di arte di fronte a sta roba? Ok e’ come siamo fatti dentro e se fossimo nati col fegato sulla testa non ci impressionerebbe un fegato umano più’ di quanto non ci impressioni ora un taglio emo..ma di cosa stimo parlando? Ma chi ha bisogno di vedere sta roba?dov’e’ la curiosita’ ma soprattutto..interessante per cosa? Ci sono ottimi libri di medicina che mostrano gia’ tutto (leonardo non li aveva) quello che desideriamo conoscere senza arrivare a fare il gioco di ste 4 beline che non sanno cosa inventarsi per far parlare di se! Gli scheletri nelle aule di anatomia sono un po’ differenti concettualmente rispetto a dei corpi messi li senza scopo..lasciamo perdere la donna incinta di cui non vorrei mai nemmeno immaginare il passato..perche’ e’ di questo che si parla..quelle “sculture” hanno una storia!

  • I corpi utilizzati sono quasi tutti di detenuti cinesi giustiziati, Von Hagens sostiene di avere avuto le loro autorizzazioni per l’utilizzo dei corpi, figuriamoci come sarà stato difficile ottenerle, infatti la Cina è un paese dove i diritti umani sono assolutamente rispettati…
    E’ uno schifo di mostra, un assoluto scempio del corpo umano a scopi di lucro, mi meraviglio come Don Mazzi si sia prestato a fare pubblicità a questo scandalo presenziando all’inaugurazione a Roma, rilasciando addirittura dei commenti positivi.

  • Pingback: San Valentino ad arte vol. 2: c’è cuore e cuore. A Roma la mostra shock Body Worlds offre lo sconto agli innamorati per vederne uno vero. Plastinato… | Artribune()

  • iansolo

    più che arte direi artigianato scientifico, interessante. ci andrò.

  • roberta

    cavoli è stupendo come questi corpi vengono trattati…. danno veramente l’impressione che continuino a vivere. è una forma d’arte stupenda mi piacerebbe lasciare il mio corpo a questo artista ….

    e smettiamola con questa ipocrisia … è così difficile da accettare la morte??? pensate che buttare i defunti sotto terra con i vermi sia più rispettoso???

    ma smettiamola… che ci piaccia o no dopo la vita c’è la morte, impariamo ad accettarlo e vivremo meglio.

  • simona

    Una mostra estremamente interessante.. La cosa meravigliosa che mi ha pervaso vedendo l’infinita bellezza della scienza e della natura, è stata la sensazione netta che la morte non fosse che una parte essenziale di un percorso stupefacente come la vita… La morte non esiste nella meravigliosa perfezione del “sistema corpo”, perchè la vita continua in altri infiniti e magifici corpi… L’essere umano ha forse troppa paura nel confrontarsi con lo specchio di se stesso, con una “macchina” che spesso maltratta e distrugge come se fosse una qualsiasi carrozzeria da sfruttare al massimo.. E la cosa che più impressiona è vedere che siamo esattamente identici strutturalmente ai nostri amici animali.. Con che saccenza li consideriamo solo carne animale da mangiare.. Non c’è nè arte nè spettacolo nè necrofilia nè voyerismo.. c’é semplice e stupenda conoscenza da cui trarre anche molto ma molto insegnamento, prima di tutto nel rispettare se stessi e gli altri..
    Grazie

  • Simone

    Sono appena andato a vedere la mostra oggi, non fa impressione finchè non sai che i corpi sono veri, ma all’inizio pensavo fosse tutto finto, quindi non è esageratamente impressionante, trovo insensato il solito moralismo, ma ognuno fa quel che vuole quindi se volete guardatela se non volete no.

  • alba

    ma quanta ignoranza, questa esposizione non e arte, e scienza, le persone che vengono usate per questa mostra, sono persone che si donano in vita per fare questo tipi di studio, e fare capire a tante gente ignorante come e fatto il corpo umano, loro spiegano le funzioni di ogni particolare parte del nostro corpo,e fa vedere come si deteriorano gli organi con le malattie….. per piacere aprite gli occhi per osservare e imparare e chiudete la bocca!!