Lo Strillone: nuove barbarie culturali sul Corriere della Sera. E poi Nan Goldin, Mario Cresci, “sistema Italia” in crisi…

E mo’ che hanno spaccato la fontana a Piazza Navona, ridda di piagnistei sullo stato dei Beni Culturali; tra nuove barbarie, incuria e inciviltà. Fulco Pratesi, sul Corriere della Sera, firma il quadro desolante di una Grotta Azzurra insozzata dal turismo cafone. Su La Stampa paginone a tema dedicato alla fotografia. Venezia si mette in […]

Quotidiani
Quotidiani

E mo’ che hanno spaccato la fontana a Piazza Navona, ridda di piagnistei sullo stato dei Beni Culturali; tra nuove barbarie, incuria e inciviltà. Fulco Pratesi, sul Corriere della Sera, firma il quadro desolante di una Grotta Azzurra insozzata dal turismo cafone.

Su La Stampa paginone a tema dedicato alla fotografia. Venezia si mette in mostra nella collettiva all’Isola di San Giorgio: bocciata Nan Goldin, promosso Pierre Gonnord; grande retrospettiva, a Matera, per Mario Cresci. Ancora Venezia: alla Fondazione Cini i lavori di Virginio Bruni Tedeschi.

Non solo cinema, in laguna. Tiene banco l’assegnazione del Campiello ad Andrea Molesini: nella raccolta di pareri, opinioni, opere e omissioni spicca il pezzo firmato da Paolo Guzzanti su Il Giornale. Che ha visto nella cerimonia di consegna del premio il segno ineluttabile del calo di interesse del “sistema Italia” nei confronti della Cultura.

Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.