Lo Strillone: il (non) sesso di Vittorio Sgarbi sul Giornale. E poi Umberto Eco, Vasco Rossi, Caravaggio a Cuba…

Alessandro Sallusti ritiene che la vita sessuale di Sgarbi sia di interesse – e dominio – pubblico. Assegna un richiamo sulla prima pagina de Il Giornale al pezzo con cui Sabrina Colle racconta le meraviglie di un rapporto di erotica astinenza con il bel Vittorio. Dopo il braccio di ferro tra Bocchino e la Began, […]

Quotidiani
Quotidiani

Alessandro Sallusti ritiene che la vita sessuale di Sgarbi sia di interesse – e dominio – pubblico. Assegna un richiamo sulla prima pagina de Il Giornale al pezzo con cui Sabrina Colle racconta le meraviglie di un rapporto di erotica astinenza con il bel Vittorio. Dopo il braccio di ferro tra Bocchino e la Began, evidentemente, ci meritiamo pure questo.

Se siete in Inghilterra aspettate domani e procuratevi il London Review of Books. Se siete in Italia pigliatevi – oggi – La Stampa: anticipazione del saggio dove Tim Parks lancia la mostra con cui racconta a Firenze gli intrighi tra arte, religione, soldi e banchieri nella Toscana del Cinquecento.

Umberto Eco dice basta ai tagli alla cultura: senza pepe e senza sugo l’intervista piagnisteo uscita oggi su La Repubblica. Omar Galliani in mostra al Poldi Pezzoli su Quotidiano Nazionale; Vasco Rossi über alles: Liberazione lamenta l’intromissione del rocker su Rai5, canale consacrato a cultura e cose belle.

Che senso ha raccontare a mezza pagina la storia del complesso monumentale di Angkor Vat? Nessuno. Dove sta la notizia? Da nessuna parte. Però Il Secolo d’Italia lo fa. Forse per suggerire un ardito parallelo con l’articolo che piange l’abbandono di Mussolinia, specie di kibbuz in salsa fascista (beccatevi l’ossimoro politically uncorrect) finito male.

C’è lo zampino del Marca dietro l’intervento scultoreo di Mauro Staccioli nel Parco Archeologico di Borgia, raccontato da Il Fatto Quotidiano. Venghino, signori: venghino! A Roma arriva Body Worlds, cadaveri spellati ed esposti con muscoli e tendini in bella vista. Libero se ne emoziona.

Hasta Caravaggio, siempre! Mario Resca l’aveva promesso: il Narciso alla fonte parte per Cuba. La notizia piove dal Corriere della Sera: il viceministro alla Cultura di Fidel, Fernando Rojas, gongola. Il Merisi era un rivoluzionario, a suo modo. A quelle latitudini fa un certo effetto.

Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.
  • ma leggendo del (non) sesso di Sabrina col Vittorio nazionale, viene spontanea una domanda: ma Sabrina a chi la da ?