Lo Strillone: bye bye morattiano alla Grande Brera su La Stampa. E poi Crialese, Sgarbi-Cicelyn, Pop Art-Mao…

Sindrome da terra, tra arte e dintorni. Nel giorno in cui la stampa tutta gongola per la Terraferma di Crialese in corsa per gli Oscar, Il Fatto Quotidiano ricorda che pure il Festival di Fotografia del Macro – quest’anno – ha come tema la Madre Terra. Milan l’è un gran Milan! Quotidiano Nazionale presenta la […]

Quotidiani
Quotidiani

Sindrome da terra, tra arte e dintorni. Nel giorno in cui la stampa tutta gongola per la Terraferma di Crialese in corsa per gli Oscar, Il Fatto Quotidiano ricorda che pure il Festival di Fotografia del Macro – quest’anno – ha come tema la Madre Terra.

Milan l’è un gran Milan! Quotidiano Nazionale presenta la città dei pittori Arturo ed Alberto Brambilla e di Dino Buzzati, un dopoguerra raccolto nelle testimonianze, negli stralci di diario e nelle immagini selezionati da Marina Pizziolo per Gallone editore. Ma per scoprire il lato più buio della città appuntamento su La Padania, per l’accorato ricordo di Giorgio Scerbanenco.

Letizia molla la Grande Brera: La Stampa annuncia il piagnisteo di Lady Moratti, che accusa non meglio precisate menate burocratiche e si smarca dal progetto – da lei stessa lanciato e sostenuto – di un grande nuovo polo museale meneghino. Nuove bordate sgarbiane su La Repubblica: “volevo portare la Biennale di Venezia a Napoli, ma non me l’hanno permesso”. Accuse a Cicelyn che avrebbe impedito l’approdo del Padiglione regionale campano al Madre.

Mario Martone porta Leopardi in Russia con incontri e adattamenti teatrali delle Operette Morali: fonte Il Secolo d’Italia. Heidegger vs. Gesù Cristo: scontro finale? Avvenire porta nuovi sturi e nuove prove a conforto dell’analisi sul background cristiano del grande filosofo tedesco.

Tira più un… libro di Beatriz Preciado che un carro di buoi! Su il manifesto recensione per Pornotopia, uscito in Italia con Fandango: quanto è cambiato l’Occidente dalla nascita di Playboy? Risposta implicita nella recensione che Il Giornale fa de La Casa dei Buchi di Nicholson Baker, con il “De Sade ultramoderno” che impazza nelle classifiche dei  libri più venduti.

Ancora Repubblica: anticipazione del saggio con cui Marc Fumaroli crea paralleli tra l’etica della Pop Art ed il regime maoista. Eh? Leggere per credere.

Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.