Lo Strillone: Andres Serrano Vs. Jean Clair sul Corriere. E poi sponsor privati, bufera Mondadori, Rembrandt…

Si fonda sul lavoro critico di Ivan Quaroni il primo piano che Libero dedica alla nuova (?) schiera di artisti italici che ammiccano al pop, da Giuseppe Veneziano a Vanni Cuoghi passando per Marco Mazzoni: l’occasione è data dalla doppia mostra veneziana messa in piedi a Bonelli e Jonathan LeVine. Se il Colosseo mette le […]

Quotidiani
Quotidiani

Si fonda sul lavoro critico di Ivan Quaroni il primo piano che Libero dedica alla nuova (?) schiera di artisti italici che ammiccano al pop, da Giuseppe Veneziano a Vanni Cuoghi passando per Marco Mazzoni: l’occasione è data dalla doppia mostra veneziana messa in piedi a Bonelli e Jonathan LeVine.

Se il Colosseo mette le Tod’s, la statua della Minerva di Pavia – chiaramente – la pelliccia, l’arco etrusco di Perugia il maglioncino in cashmere. Quotidiano Nazionale racconta il milione e rotti che Cucinelli, imprenditore dei filati, “regala” alla città per il restauro del monumento.

L’avevo detto, l’avevo detto, l’avevo detto! Tutti a menarla con la protesta dal basso degli autori Mondadori contro l’addio di Cane, che molla la saggistica a Bondi. Un cagnara, insomma, rinfocolata da lettere e contro lettere su La Repubblica, mentre L’Unità celebra l’arruolamento – tra le fila dei dissidenti – di mercenarie penne straniere; e Il Giornale canta il peana per sostenere l’editore padrone.

Il Corriere della Sera riprende il botta e risposta tra Andres Serrano e l’ex direttore del Museo Picasso, Jean Clair aveva accusato l’artista di essere tra i congiurati che hanno ucciso il senso dell’estetica occidentale. Ammazza! Interessa a qualcuno che Rembrandt abbia usato modelli ebrei per ritrarre Gesù Cristo? Ad un quotidiano israeliano sì, ci ha fatto l’apertura: Corsera propone la storia e si interroga.

Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.