Lo Strillone: Alighiero Boetti tra mostre e mercato sul Corriere della Sera. E poi Italia – Russia, Pala della Zecca, Francesco Clemente…

Mosca piglia tutto: nell’anno dell’amicizia Italia – Russia si moltiplicano gli scambi tra i due paesi, con mostre che prendono il largo da un lato a quell’altro della fu cortina di ferro. La Stampa presenta il vernissage, dopodomani, di Antonello da Messina all’ombra del Cremlino: il vuoto lasciato al museo regionale di Messina verrà presto […]

Quotidiani
Quotidiani

Mosca piglia tutto: nell’anno dell’amicizia Italia – Russia si moltiplicano gli scambi tra i due paesi, con mostre che prendono il largo da un lato a quell’altro della fu cortina di ferro. La Stampa presenta il vernissage, dopodomani, di Antonello da Messina all’ombra del Cremlino: il vuoto lasciato al museo regionale di Messina verrà presto colmato dall’arrivo di maestri delle avanguardie russe.

Avvenire annuncia: presto restaurata, a Firenze, la trecentesca Pala della Zecca; mentre Libero si concentra sulla mostra dei tarocchi di Francesco Clemente, da venerdì agli Uffizi. Camilleri – Lucarelli e De Cataldo in esclusiva per La Repubblica, la triade anticipa i propri racconti dedicati ad eroi con la toga.

Il Corriere della Sera si ripiglia dalla chiusura forzata causa sciopero con un primo piano dedicato ad Alighiero Boetti, tra mostre e mercato. Sono tre le grandi mostre pronte per l’estero, mentre le quotazioni di mappe e dintorni viaggiano alle stelle. Bene rifugio in tempo di crisi?

Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.