La geopolitica delle fiere d’arte. Art Miami fa shopping a Los Angeles e si porta a casa l’intero pacchetto di LA Art Show

Florida alla conquista della California. La fiera d’arte Art Miami, tramite una società appositamente creata, ha stipulato un accordo di acquisizione con Los Angeles Art Show, includendo quindi anche i nuovi assets come LA Art Show: Modern & Contemporary, LA Fine Art Show: Historic and Traditional, e la produzione degli eventi per International Fine Print […]

Su LA Art Show sventolerà la bandiera della Florida

Florida alla conquista della California. La fiera d’arte Art Miami, tramite una società appositamente creata, ha stipulato un accordo di acquisizione con Los Angeles Art Show, includendo quindi anche i nuovi assets come LA Art Show: Modern & Contemporary, LA Fine Art Show: Historic and Traditional, e la produzione degli eventi per International Fine Print Dealers Association a Los Angeles. Una mezza rivoluzione, un po’ come se dalle nostre parti Miart si comprasse Artissima.
Questo nuovo legame fra le due coste è stato creato per assorbire l’esperienza della fiera californiana nell’organizzazione degli eventi fieristici ed espositivi, ed importarla a Miami. LA Art Show: Modern & Contemporary, LA Fine Art Show: Historic and Traditional e Print Fair sono in programma per il prossimo gennaio a Los Angeles, mentre Art Miami le precederà il 30 novembre, tutte e quattro con la direzione in comune che sarà perfezionata a fine settembre.

– Martina Gambillara

www.laartshow.com/index.html
www.art-miami.com

CONDIVIDI
Martina Gambillara
Martina Gambillara (Padova, 1984), laureata in Economia e Gestione dell'Arte, si è interessata fin dai primi anni dell'università al rapporto tra arte e mercato, culminato nella tesi Specialistica in cui ha indagato il fenomeno della speculazione nel mercato dell'arte cinese dell'ultimo decennio. Per passione personale si è costantemente dedicata all'osservazione dei risultati d'asta soprattutto del segmento di Arte Contemporanea, estrapolandone i trend e la correlazione con i mercati finanziari. In seguito il suo interesse si è spostato verso i mercati emergenti, da quello cinese scelto per la sua tesi, a quello sud-asiatico e mediorientale. Ha lavorato per gallerie, case d'asta e dal 2011 fa parte dello staff editoriale di Artribune.