L’hanno pagato 1.700 euro, e adesso pretendono che sia un Van Gogh. E noi facciamo decidere a voi: questa coppia inglese può diventare miliardaria?

La storia è degna del miglior romanzo d’appendice: lei casalinga, lui pittore e decoratore, coppietta inglese che in vacanza in Francia incappa in un’asta e si innamora di un dipinto. Tira e molla, se lo portano via per millesettecento euro. Ora – passato un anno e mezzo – i due cambiano pelle, e si fanno […]

Eccolo, il "probabile" Van Gogh

La storia è degna del miglior romanzo d’appendice: lei casalinga, lui pittore e decoratore, coppietta inglese che in vacanza in Francia incappa in un’asta e si innamora di un dipinto. Tira e molla, se lo portano via per millesettecento euro.
Ora – passato un anno e mezzo – i due cambiano pelle, e si fanno arrembanti conoscitori d’arte e feroci sostenitori delle proprie ragioni: qual quadro è un Van Gogh, e non uno qualsiasi, ma l’unico ritratto a figura intera conosciuto del famoso pittore olandese. Un anno di indagini, con consultazioni al Museo Van Gogh in Olanda, e con specialisti di ricostruzione facciale presso l’Università di Dundee. Risultato: “è probabile che sia Van Gogh”.
Ora l’opera è esposta alla Abbey Walk Gallery di Grimsby, e da quando si è diffusa la voce accorrono in migliaia a vederla. I due, Mandy e Michael Cruickshank, si danno un gran daffare, ed hanno aperto anche un website dedicato a promuovere l’autenticità. E voi che ne pensate? Gliela rilasciamo, quest’autentica?

www.vincentvangoghportrait.com

Update: Come ci fanno notare i nostri impeccabili lettori, abbiamo preso il più classico dei “granchi” logici. “È Van Gogh”, non “è un Van Gogh”. E altri aspetti della vicenda non allertavano dell’errore. Capita, quando si saltano le ferie per lavorare anche a Ferragosto. Ringraziamo, ci scusiamo e… promettiamo di dormire di più!


CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • hm

    fake !

    • augusta

      concordo.
      se è van gogh io mi spaccio per un ornitorinco.

  • Sento puzza di crostona :-)

  • Simo

    Van Gogh??????????

  • Teresa

    Ma nemmeno per sogno!! Chi l’ha venduto sapeva che avrebbe tratto in inganno e i due ci sono cascati.

  • enrico

    … si io gliela rilascerei. Il mondo dell’arte è pieno zeppo di cose dubbie, per non parlare dei Musei. Una in più, non cambia l’assetto delle cose.

  • Giuseppe

    forse sarebbe meglio verificare le notizie: non avete capito… si tratta di un ritratto che raffigura van gogh fatto da jeanne donnadieu e non di un van gogh

  • Guido Segni

    Forse sono io che non ho capito…
    ma sul sito c’è scritto a caratteri cubitali:
    “THE MISUNDERSTOOD” by Jeanne Donnadieu :-)

    e si parla di un quadro di questa Jeanne Donnadieu che dovrebbe ritrarre Van Gogh, ovver il “misunderstood”, l’incompreso.

    Quindi non è che vogliono far passare il quadro come un Van Gogh ma un quadro che ritrae Van Gogh…

    Se poi sia comunque un fake (nel senso che non è vero che ritrae Van Gogh) è da vedere…

  • Francesca

    Leggendo il loro sito web (sono madrelingua inglese) e altri articoli sull’argomento, si capisce chiaramente che la coppia non sta dicendo che il quadro era stato dipinto da Van Gogh, ma che il soggetto del ritratto è Van Gogh. L’artista dell’opera, dicono spesso, è Jeanne Donnadieu. Perciò avete capito male.

    • ahhhh…ADESSO SI SPIEGA….è VAN GOGH NEL SENSO CHE è IL RITRATTO DI VAN GOGH NON UN VAN GOGH…OK ,GRAZIE.

    • augusta

      ah grazie!!!! mi scuso avevo proprio capito male anche la nota sotto l’articolo!!

  • MA STIAMO SCHERZANDO..una grande trovata pubblicitaria.Chi conosce la vita di V. Gogh e il suo segno non farebbe mai questo sbaglio a meno che non sia documentato e dentro nelle lettere di Teo ma ancora ci sarebbe qualcosa da dire sul suo segno cosi deciso e così caratteristico. Nell’Ottobre 2006 ci fù chi attribuì le due teste fatte con il Black & Decker a Modigliani…non c’è da stupirsi !!!!

    • Raffaello Paiella

      Nel 2006 affermai subito che quelle teste NON erano di Modigliani!..presunzione estrema ma…ho testimoni!! In questo caso…il problema non esiste!

  • quoto Francesca e Guido, l’articolo non è molto chiaro ma sul sito spiegano bene.. e a questo punto potrebbe anche essere, perchè no?

    • hm

      perchè van gogh è morto a 37 anni e quello ne dimostra almeno 45 . inoltre van gogh non era ‘the misunderstood’ in vita, semplicemente non era conosciuto da nessuno visto che ha iniziato a far mostre dopo morto grazie al fratello . non mi risulta fosse stato rifiutato da qualche galleria ma potrei anche sbagliarmi . e visto che scriveva continuamente lettere al fratello gli avrebbe anche riferito di un ipotetico ritratto fatto da una sua ammiratrice . di conseguenza è un superfake e basta .

  • Redazione

    Update: Come ci fanno notare i nostri impeccabili lettori, abbiamo preso il più classico dei “granchi” logici. “È Van Gogh”, non “è un Van Gogh”. E altri aspetti della vicenda, che non allertavano dell’errore. Capita, quando si saltano le ferie per lavorare anche a Ferragosto. Ringraziamo, ci scusiamo e… promettiamo di dormire di più!

  • THELele

    che vadano a lavorare in miniera!!!!!

  • adele

    pretesto giornalistico per sollevare l’interesse del pubblico?????

  • Rispetto a tanta imperizia circolante anche se proposta nelle mostre decentrate della Biennale di Venezia (vedi il caso Marche/Urbino nell’incompiuto restauro delle ex stalle ducali chiamate anche Data o Orto dell’abbondanza il cui significato non ha documenti ma memorie orali ormai sbiadite), ben venga un dipinto del genere che, a mio infondato ma intuitivo giudizio, non può essere di mano del pittore olandese. Tuttavia ha del carattere e dell’ironia sottile e demitizzante la celebrità post mortem. La sua pittura, spesso scura e trerrosa, talvolta tetra, non smette di essere tragica anche quando dipinge con colori solari i celebri girasoli. Quindi mai e poi mai potrebbe essere questo il suo pennello. Però è un lavoro apprezzabile, originale, suggestivo, dialogante.

  • lanfranco

    non mi sembra che la figura rappresentata assomigli al grande pittore,forse mi ricorda suo fratello Teo

  • Laura

    Io non credo sia lui e sono pienamente d’accordo con hm, Van Gogh è morto giovane, molto più giovane dell’uomo ritratto…

  • ma quello nel ritratto sono io!

  • ufo

    se l’invecchiamento risale a Van Gogh perchè no? sarebbe comunque un colpo da maestro!

  • stefania

    Non riconosco quella sofferenza a me molto familiare!

  • daniele alfani

    Diventeranno miliardari se vinceranno al superenalotto…

  • Domenico Ghin

    Ci sono più elementi evidenti e che non sto ad elencare per escludere che si tratti di un Van Gogh….

  • Domenico Ghin

    ……ma sì ne elenco uno su tutti : l’ impronta di Van Gogh è Simbolico-espressionista che si identifica soprattutto nel suo inconfondibile repertorio cromatico e nel tratto che non hanno nulla a che vedere con l’impostazione più di genere realista di questo lavoro nonostante la distribuzione tratteggiata del dipinto….