L’arte pubblica a Los Angeles? È performativa, divertente e molto ‘social’. Ecco la grande parata di Tiravanija e Arto Lindsay

Se in Italia lo stato di salute dell’arte pubblica non è decisamente buono – incapaci come siamo di investire con criterio e costanza in progetti di riqualificazione artistica del paesaggio urbano e naturale – a A Los Angeles c’è addirittura un’organizzazione che promuove una forma particolare di public art. Ossia, quella con una connotazione effimera, […]

Trespass Parade

Se in Italia lo stato di salute dell’arte pubblica non è decisamente buono – incapaci come siamo di investire con criterio e costanza in progetti di riqualificazione artistica del paesaggio urbano e naturale – a A Los Angeles c’è addirittura un’organizzazione che promuove una forma particolare di public art. Ossia, quella con una connotazione effimera, temporanea, performativa. West of Rome Public Art (WoR) nasce nel 2005 con questa precisa mission, ritagliandosi uno spazio assai specifico nell’ambito della ricerca artistica contemporanea, con una forte componente sperimentale. E a fondarla, guarda un po’, è stata proprio un’italiana doc, la storica gallerista Emi Fontana.
Domenica 2 ottobre, a partire dalle 11 del mattino, le strade di Downtown – precisamente a partire dall’indirizzo 1933 South Broadway – vedranno esplodere una incredibile parata in cui si intrecceranno musica, danza e performance. Protagonisti una folla di artisti locali e di cittadini. Trespass, nuovo, importante evento promosso dall’organizzazione americana, è un progetto che porta le firme di due pezzi da novanta: Arto Lindsay e Rirkrit Tiravanija.

Il concept? A più di sessanta artisti residenti a Los Angeles è stato chiesto di produrre un personalissimo statement, che rappresentasse un appello all’azione, al piacere e allo scambio. Le dichiarazioni saranno stampate in inglese e in spagnolo su delle t-shirt, indossate poi durante il corteo. E cavalcando la via dell’autofinanziamento, ecco lo stratagemma per raggranellare un po’ di fondi, a sostegno del progetto: le magliette d’artista sono tutte in vendita, su www.trespassparade.org.
Ma si continua anche il 3 ottobre, con uno scoppiettante Trassparty, festa del West of Rome al centro di Los Angeles: spettacoli interattivi e concerti, conditi da drink e pizza artigianale, chiaramente a cura di Tiravanija. Sul palco, oltre ai due artisti-curatori, Miss Vaginal Davis, Phranc e JD Samson di Le Tigre and MEN.
Trespass è stato ideato in coincidenza con l’opening di Pacific Standard Time: Art in L.A. 1945–1980 (PST), una collaborazione tra più di sessanta istituzioni culturali del sud della California, per la prima volta riunitesi in un grande network che celebra la nascita della scena artistica losangelina.

– Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.