Inaugura in queste ore ore a Milano C25 Options of Luxury, la mostra sul lusso della moda e del design curata da Italo Rota. Ma su Artribune c’è già la preview…

Non abbiamo saputo resistere nemmeno questa volta, ed eccoci ancora, dietro le quinte di quella grande macchina che è la Triennale di Milano per osservare da vicino l’allestimento di una mostra. Si tratta di C25 Options of Luxury, che inaugura stasera stessa, anche se in orario di pranzo tutto era ancora in fieri. Un numeroso […]

C25 Options of Luxury backstage - Foto di Mauro Tosca

Non abbiamo saputo resistere nemmeno questa volta, ed eccoci ancora, dietro le quinte di quella grande macchina che è la Triennale di Milano per osservare da vicino l’allestimento di una mostra.
Si tratta di C25 Options of Luxury, che inaugura stasera stessa, anche se in orario di pranzo tutto era ancora in fieri. Un numeroso staff era freneticamente intento a sistemare gli ultimi oggetti: scale aperte, tende già stese da stirare, il carrello delle pulizie per passare in rassegna ogni angolo e persino Italo Rota che sistema alla perfezione un maglione. Per le domande ci invita gentilmente a passare più tardi: e come dargli torto visto il lavoro da terminare.
Queste immagini servono per incuriosirvi, lusso espresso attraverso tecnologia, luci, marche, macro-oggetti e persino odori. Tutto per festeggiare i 25 anni di Class editori. Un compleanno così avrà poco da invidiare alla Vogue Fashion’s Night Out di Milano di domani…

– Valia Barriello

CONDIVIDI
Valia Barriello
Valia Barriello, architetto e ricercatrice in design, si laurea nel 2005 presso il Politecnico di Milano, Facoltà di Architettura, con la tesi "Una rete monumentale invisibile. Milano città d'arte? Sogno Possibile". Inizia l’attività professionale collaborando con diversi studi milanesi di architettura fino a che la passione per gli oggetti quotidiani e il saper fare con mano la spingono verso il design e verso il mare. Inizia così un dottorato in Design presso la facoltà di Architettura di Genova che consegue nel 2011 con la tesi di ricerca "Design Democratico". La stessa passione la porta anche alla scrittura che svolge per diverse testate del settore e all’allestimento e curatela di mostre di design. Porta avanti contestualmente all'attività professionale la ricerca sui temi che ruotano intorno al design democratico all'autoproduzione e all'utilizzo di materiali di scarto. Attualmente lavora presso uno studio milanese, collabora con la NABA come assistente del designer Paolo Ulian e cura la rubrica di design per Artribune.
  • Particolarmente interessante l’installazione “Flower Power”, un “giardino dove sbocciano fiori meravigliosi, in cui elementi hi-tech si mischiano alla natura più selvaggia, fatta di verde, acqua e suoni”.
    Maggiori informazioni sull’installazione si trovano qui: http://www.city-life.it/it/news/c25-options-of-luxury
    la mostra è aperta fino al 2 ottobre.