House organ in galleria, un po’ rivista, un po’ catalogo. Anche la CO2 ne ha uno, al secondo numero

È riduttivo definirlo così, ma se lo incasellassimo nella categoria degli house organ, il premio al miglior prodotto degli ultimi anni andrebbe a Peep-Hole Sheet, raffinato tabloid da collezione, con ogni numero curato da un artista (l’ultimo, il nono, uscito in estate, l’hanno preso in carico Giuseppe Gabellone e Diego Perrone). Ma certo non c’è […]

Kounellis - Giuseppe Garrera

È riduttivo definirlo così, ma se lo incasellassimo nella categoria degli house organ, il premio al miglior prodotto degli ultimi anni andrebbe a Peep-Hole Sheet, raffinato tabloid da collezione, con ogni numero curato da un artista (l’ultimo, il nono, uscito in estate, l’hanno preso in carico Giuseppe Gabellone e Diego Perrone). Ma certo non c’è solo il magazine della non profit milanese Peep-Hole. A Roma, ad esempio, esiste CO2, rivista distribuita dall’omonima galleria e ideata da Giorgio Galotti, Gianni Garrera, Giuseppe Garrera e Francesco Napolitano, composta da sole immagini a partire da un tema conduttore. Un freepress, ma anche una mostra.
Attenzione però, non si tratta di un catalogo travestito da rivista, ma dell’esatto contrario: i contenuti sono pensati per il magazine, e in seguito diventano materiale da esposizione. Il filo conduttore generale? “L’ideale è che gli artisti si confrontino con questo progetto tramite un esercizio di rinuncia e di castigo visivo, per questo si richiede di comporre lavori disciplinati e rigorosi, secondo criteri di severità e di obbedienza al tema. L’ideale è provare a congegnare una nuova razza di immagini”. Progetto semestrale, è giunto al secondo numero, dedicato al tema Disonora il padre (con mostra allestita dal 15 settembre al 1 ottobre). Risale invece al marzo scorso l’esordio, intitolato Come verrà distrutta Roma.

– Marco Enrico Giacomelli

www.co2gallery.com

CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014), "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (Paris 2016, con Arianna Testino). In qualità di traduttore, ha pubblicato testi di Deleuze, Revel, Augé e Bourriaud. Nel 2014 ha curato la mostra (al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano) e il libro (edito da Marsilio) "Achille Compagnoni. Oltre il K2". Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Redige (insieme a Massimiliano Tonelli) la sezione dedicata all'arte contemporanea del rapporto annuale "Io sono cultura" prodotto dalla Fondazione Symbola. Insegna alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.
  • CO2

    Free press da collezione in tiratura limitata, in distribuzione presso i bookshop di:
    – MACRO
    – MAXXI
    – G.N.A.M.
    – Villa Medici, Accademia di Francia
    – luoghi di cultura e bar di Roma.

    Prossima uscita: ATTI DI RIFONDAZIONE – Marzo 2012

  • bei titoli

  • annagrazia

    un’operazione geniale.

  • herbert

    Great project! I get a copy today in Macro. Thanks!!

  • Davide

    Progetto interessantissimo, come si possono avere i numeri precedenti?