Opening ad alta quota, e arrivano in 1500. Un primo giorno da leoni per Dolomiti Contemporanee. Qui video e foto a volontà

Sono arrivate ben 1.500 persone tra la mattina e la notte del 30 luglio. Un lungo ed effervescente opening, che ha consacrato il progetto Dolomiti Contemporanee come uno dei più interessanti e coinvolgenti di questa estate 2011. Moltissimi gli operatori del settore che si sono “arrampicati” fin nel comune di Sospirolo, a ridosso del Parco […]

DC - sass mjuss - opening - foto giacomo de donà

Sono arrivate ben 1.500 persone tra la mattina e la notte del 30 luglio. Un lungo ed effervescente opening, che ha consacrato il progetto Dolomiti Contemporanee come uno dei più interessanti e coinvolgenti di questa estate 2011.
Moltissimi gli operatori del settore che si sono “arrampicati” fin nel comune di Sospirolo, a ridosso del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi, per raggiungere la splendida location di Sass Muss. Ma non mancavano gli abitanti dalle valli limitrofe, incuriositi da questo art-head quarter destinato a mostre e residenze, improvvisamente apparso tra le verdeggianti cime dei loro “Monti pallidi”.
Chi c’era, dunque, all’attesissima inugurazione? Intanto i curatori del primo blocco espositivo, Gianluca D’Incà Levis, Andrea Bruciati e Alberto Zanchetta; poi, tra i molti ospiti, Daniele Capra, uno dei prossimi curatori coinvolti, il critico Carlo Sala, Francesco Urbano e Francesco Ragazzi dell’associazione E, Nicola Genovese e Antonio Guiotto di Superfluo, Stefano Coletto per la Bevilacqua La Masa, il nostro Alfredo Sigolo, Marta Davaris di Flash Art, il collezionista vicentino Antonio Coppola. E ancora tantissimi artisti: Christian Frosi, Andrea Dojmi, Luca Rento, Paolo De Biasi, Tiziano Martini, Andrea Facco, Andrea Salvatori, solo per citarne alcuni. E non è mancato nemmeno – figuriamoci – il presenzialista Vittorio Sgarbi, che ha però evitato la calca dell’inaugurazione e si è presentato solo ieri, dichiarando l’intenzione di inserire Dolomiti Contemporanee nella sezione “Percorsi e Soste” del suo Padiglione Italia regionale.

Ci dicono, dall’organizzazione, che l’afflusso continua anche in questi giorni post-apertura, e che a convincere moltissimo, oltre alle mostre in sé, è proprio quest’idea di generare un distretto dell’arte in un luogo insolito, estremo, abbandonato dall’uomo e lontano dalle logiche del sistema industriale. Un luogo in cui la parola produzione prova a coincidere con la parola cultura, una volta tanto: una libera kunsthalle a sud del Tirolo – la prima – che non vive di finanziamenti pubblici ma che cerca vie di sostentamento alternative, cangianti, diversificate.
Per non lasciare troppo all’immaginazione, vi proponiamo qui un breve video, girato proprio durante l’opening, assieme a una carrellata di fotografie. La prossima settimana, invece, arriva sulla nostra home page il report di una delle tre mostre inaugurali, che segue a ruota quello di presentazione del progetto. Più avanti, come promesso, anche i video delle altre mostre.
Intanto, gustatevi qualche frammento di questo fortunato ed affollato incipit…

– Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.