Lo Strillone: l’architetto e il fantasma al museo sul Mattino di Napoli. E poi Tunisia, Giotto Stoppino, Leonardo…

Vabbene che fa caldo, e anche tanto, ma così si esagera: Oreste Albarano, architetto del ministero responsabile dei lavori di ristrutturazione al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, continua a sostenere che al museo ci siano i fantasmi, e mostra una foto che ne ritrarrebbe uno. E Il Mattino lo intervista pure… “Cartagine non è delenda”. […]

La foto del “fantasma” al museo

Vabbene che fa caldo, e anche tanto, ma così si esagera: Oreste Albarano, architetto del ministero responsabile dei lavori di ristrutturazione al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, continua a sostenere che al museo ci siano i fantasmi, e mostra una foto che ne ritrarrebbe uno. E Il Mattino lo intervista pure…

Cartagine non è delenda”. Mentre in Libia si scatena la caccia a Gheddafi, La Stampa va in Tunisia, per intervistare il nuovo ministro della Cultura Azedine Beschaouch, impegnato a salvare il patrimonio archeologico che il regime aveva lasciato saccheggiare.

Coccodrillo d’autore per il Corriere della Sera: Stefano Bucci firma l’addio al “poeta del design” Giotto Stoppino, scomparso a 85 anni. Presidente dall’Adi durante il triennio 1982-1984, vinse in carriera tre Compassi d’oro, l’ultimo alla Carriera assegnatogli appena un mese fa.

I saggi finora effettuati non hanno sciolto il mistero”. Dichiarazione sconsolata, quella di Avvenire, che dedica una breve alla ricerca, condotta da Comune di Firenze e National Geographic, per ritrovare, in Palazzo Vecchio, la Battaglia di Anghiari, l’affresco perduto di Leonardo da Vinci.

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.