Grand Tour del terzo millennio. In Inghilterra continuano a furoreggiare i luoghi misteriosi del Belpaese. Almeno così sostiene il Telegraph

Il Museo d’arte sacra di Asciano, il Museo diocesano del Capitolo di Cortona, Palazzo Bo’ a Padova, il Museo Stefano Bardini di Firenze. Molti, in Italia, sì e no che sanno collocarli geograficamente: non altrettanto in Inghilterra, che del resto ha una lunga tradizione, fin dal Grand Tour, per venire dalle nostre parti a scoprire […]

Il Cristo velato di Giuseppe Sammartino, a Napoli

Il Museo d’arte sacra di Asciano, il Museo diocesano del Capitolo di Cortona, Palazzo Bo’ a Padova, il Museo Stefano Bardini di Firenze. Molti, in Italia, sì e no che sanno collocarli geograficamente: non altrettanto in Inghilterra, che del resto ha una lunga tradizione, fin dal Grand Tour, per venire dalle nostre parti a scoprire luoghi fascinosi, raffinati, eleganti, risparmiati dal turismo di massa.
Anche per questo il quotidiano Telegraph si è messo a stilare un elenco dei più belli, disseminati lungo tutta la Penisola, raccomandando invece di evitare i musei più impegnativi, spesso “corredati” da lunghe code all’ingresso. Vince dunque lo spirito d’avventura, che poi ripaga profumatamente con scoperte che vanno dal Maestro dell’Osservanza ad Asciano, ai Beato Angelico e Luca Signorelli di Cortona, alla cattedra di Galileo a Padova. Nell’elenco ci sono anche il Museo di San Marco a Firenze, Villa Necchi Campiglio di Milano, lo Studio Museo Achille Castiglioni, ancora a Milano, il Museo Cappella Sansevero di Napoli – imperdibile il Cristo velato di Giuseppe Sammartino -, la Galleria Doria Pamphilj, Villa Farnesina e la Casa Museo De Chirico a Roma, la Galleria Querini Stampalia, il Museo storico navale e la Fondazione Vedova a Venezia.

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • al limite

    La cappella dei Sansevero a Napoli è davvero imperdibile!