Dopo il microcredito, arrivano le micro-borse di studio, o micro-stages: li assegna la Fondazione Ratti di Como

Dieci “piccole borse di studio”. Non stiamo parlando di un giallo di Agatha Christie ma della possibilità concreta per dieci studenti di Università o Accademie di ricevere ciascuno un premio dell’importo di 400 euro, offerto dalla Fondazione Antonio Ratti di Como. In cambio, i prescelti si dovranno impegnare a partecipare attivamente ai cinque incontri dell’autunno-inverno […]

Villa Sucota, sede della Fondazione Antonio Ratti

Dieci “piccole borse di studio”. Non stiamo parlando di un giallo di Agatha Christie ma della possibilità concreta per dieci studenti di Università o Accademie di ricevere ciascuno un premio dell’importo di 400 euro, offerto dalla Fondazione Antonio Ratti di Como. In cambio, i prescelti si dovranno impegnare a partecipare attivamente ai cinque incontri dell’autunno-inverno 2011, previsti a Villa Sucota e meglio noti come La Kunsthalle più bella del mondo, che coinvolgono curatori, critici, artisti e esperti, italiani e stranieri, provenienti da diversi contesti e ambiti disciplinari, in una discussione articolata e complessa sulle pratiche espositive dell’arte contemporanea all’inizio del ventunesimo secolo.
In particolare, gli studenti dovranno contribuire alla preparazione delle conferenze e alla rielaborazione dei materiali e idee presentati, anche allo scopo della loro archiviazione nel sito web della Fondazione; partecipare ad un appuntamento di discussione con i relatori dell’incontro e coordinatori del progetto e ad un workshop di riflessione e elaborazione di idee, domande e proposte, da sviluppare attorno alla tematica dell’incontro; elaborare un contributo scritto, di non meno di dieci pagine, su uno – o più – degli argomenti affrontati, con uno sguardo critico e propositivo, da pubblicare sul sito web della Fondazione e nel dossier del progetto.
L’assegnazione delle borse sarà decisa da una commissione composta da Paolo De Santis – presidente della Camera di Commercio di Como -, Marco De Michelis (direttore della Fondazione Ratti), Filipa Ramos (coordinatrice del progetto La Kunsthalle più bella del mondo) e Francesco Garutti (critico d’arte e curatore indipendente). Le domande di partecipazione dovranno essere presentate via email entro il 2 settembre 2011.

– Claudia Giraud

www.fondazioneratti.org

CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).
  • alle

    più che una borsa di studio mi sembra lavoro sottopagato!….. preparazione degli incontri, partecipazione, scrittura del dossier del progetto?!?!?!?