Un altro modo per dire Start. Fra gite in barca, ristoranti di lusso e tour notturni, a settembre arriva il nuovo Chicago Gallery Weekend

Sul modello del Gallery Weekend Berlin, l’evento mira ad attrarre clientela esclusiva internazionale verso la dinamica scena contemporanea della metropoli, sempre più attiva per ritagliarsi un ruolo centrale anche nell’arte d’oggi. Un ristretto e selezionato gruppo di galleristi di Chicago si è quindi unito per dar vita al primo Gallery Weekend della città, programmato fra […]

Sul modello del Gallery Weekend Berlin, l’evento mira ad attrarre clientela esclusiva internazionale verso la dinamica scena contemporanea della metropoli, sempre più attiva per ritagliarsi un ruolo centrale anche nell’arte d’oggi. Un ristretto e selezionato gruppo di galleristi di Chicago si è quindi unito per dar vita al primo Gallery Weekend della città, programmato fra il 16 e il 18 settembre prossimi.
Il James Hotel ospiterà gli invitati e sarà teatro della cena privata con i galleristi, artisti, curatori e direttori di museo venerdì 16, mentre sabato 17 tutti visiteranno le gallerie, oltre ad essere ospiti nei più esclusivi ristoranti della città. Il weekend terminerà con la visita privata alla mostra di Mark Bradford al Museum of Contemporary Art e al tour in barca organizzato da Chicago Architecture Foundation e The School of The Art Institute of Chicago.
Le gallerie partecipanti all’iniziativa saranno Andrew Rafacz Gallery, Corbett v. Dempsey, Donald Young Gallery, Kavi Gupta Gallery, moniquemeloche, Rhona Hoffman Gallery, Shane Campbell Gallery, Threewalls, Tony Wight Gallery e Western Exhibitions. Tra gli sponsor, CS magazine e New Art Dealers Alliance (NADA).

– Martina Gambillara

www.galleryweekendchicago.com

CONDIVIDI
Martina Gambillara
Martina Gambillara (Padova, 1984), laureata in Economia e Gestione dell'Arte, si è interessata fin dai primi anni dell'università al rapporto tra arte e mercato, culminato nella tesi Specialistica in cui ha indagato il fenomeno della speculazione nel mercato dell'arte cinese dell'ultimo decennio. Per passione personale si è costantemente dedicata all'osservazione dei risultati d'asta soprattutto del segmento di Arte Contemporanea, estrapolandone i trend e la correlazione con i mercati finanziari. In seguito il suo interesse si è spostato verso i mercati emergenti, da quello cinese scelto per la sua tesi, a quello sud-asiatico e mediorientale. Ha lavorato per gallerie, case d'asta e dal 2011 fa parte dello staff editoriale di Artribune.