Questo si chiama fare shopping online! Warhol da record a 1,3 milioni di dollari su Artnet Auctions

La rete certo tende ad appiattire le diversità, anche stagionali; davanti allo schermo di un pc, cambia poco se fuori picchi il solleone o magari scenda copiosa la neve. Eppure va notato che anche dalle aste d’arte online giunge l’ennesimo segnale di una stagione che non ci pensa nemmeno ad abbassare le serrande per ferie. […]

Flowers, l’ennesimo Warhol da record

La rete certo tende ad appiattire le diversità, anche stagionali; davanti allo schermo di un pc, cambia poco se fuori picchi il solleone o magari scenda copiosa la neve. Eppure va notato che anche dalle aste d’arte online giunge l’ennesimo segnale di una stagione che non ci pensa nemmeno ad abbassare le serrande per ferie.
Il 20 luglio la sezione auctions del famoso portale Artnet presentava l’asta Masterworks by Pop Artists, con opere di grandi nomi come Roy Lichtenstein, Mel Ramos, Tom Wesselmann, Robert Rauschenberg, e altri maestri della Pop Art. Ed è qui che il raro dipinto Flowers di Andy Warhol ha fatto segnare il record per il prezzo più alto mai raggiunto per una vendita via internet, con 1.3 milioni di dollari.
Dipinto nelle tinte brillanti del blu e del verde, Flowers, opera del 1978, apparteneva ad una collezione tedesca privata dal 1995, ed è uno dei soli quattro dipinti omonimi archiviati dalla Fondazione Andy Warhol. Hans Neuendorf, direttore esecutivo di Artnet, ha commentato affermando che la vendita rappresenta la conferma che i collezionisti comprano l’arte più quotata anche nelle aste online.

– Martina Gambillara

CONDIVIDI
Martina Gambillara
Martina Gambillara (Padova, 1984), laureata in Economia e Gestione dell'Arte, si è interessata fin dai primi anni dell'università al rapporto tra arte e mercato, culminato nella tesi Specialistica in cui ha indagato il fenomeno della speculazione nel mercato dell'arte cinese dell'ultimo decennio. Per passione personale si è costantemente dedicata all'osservazione dei risultati d'asta soprattutto del segmento di Arte Contemporanea, estrapolandone i trend e la correlazione con i mercati finanziari. In seguito il suo interesse si è spostato verso i mercati emergenti, da quello cinese scelto per la sua tesi, a quello sud-asiatico e mediorientale. Ha lavorato per gallerie, case d'asta e dal 2011 fa parte dello staff editoriale di Artribune.
  • alex

    orrendo