Quando il mito inizia da due lettere, e da un giocatore di baseball. Morto a Roma il grandissimo Cy Twombly

La scultura – Untitled (Funerary Box for a Lime Green Python) – ostenta in alto due rami di palma, inseriti a simboleggiare sia la vita che la morte. Risale al 1954, ed è opera di Cy Twombly, che in quel momento – recitano le cronache – prestava servizio come criptoanalista nell’esercito degli Stati Uniti. Ci […]

La scultura – Untitled (Funerary Box for a Lime Green Python) – ostenta in alto due rami di palma, inseriti a simboleggiare sia la vita che la morte. Risale al 1954, ed è opera di Cy Twombly, che in quel momento – recitano le cronache – prestava servizio come criptoanalista nell’esercito degli Stati Uniti. Ci capita fra le mani mentre ci tocca scrivere qualcosa che pensavamo ancora lontano, quasi un paradosso: il fatto che il grande artista è morto, oggi, in un ospedale romano, a 83 anni. E ci pare quanto mai simbolica, nella sua sintesi: perché Twombly, per chi si occupa di arte, e soprattutto in Italia dove lui ormai stava da oltre cinquant’anni, era una certezza, una sicurezza, e quindi qualcosa di fortemente vivo. Che ora muore.
Vivo, anche perché sempre presente nelle dinamiche e nelle liturgie che governano questo mondo: anche se ormai se ne stava quasi sempre rintanato nella casa studio di Gaeta, era vivissimo perché c’era nelle occasioni che contano: a lui Larry Gagosian aveva affidato l’inaugurazione della galleria romana, sul finire del 2007, e ancora a lui – asso nella pur larga manica del gallerista – era toccato benedire quella di Parigi, di sede Gagosian.
Che possiamo dire adesso? Qualche rapido dato: era nato a Lexington, Virginia, nel 1928, con il nome di Edwin Parker jr, ma con il padre – lanciatore di Baseball per i Chicago White Sox – aveva condiviso il nomignolo Cy, “rubato” alla stella sportiva Cy Young. Negli anni Cinquanta si era trasferito a New York, incontrando personaggi come Rauschenberg e Cage, Kline, Motherwell, Ben Shahn. Nel 1952, con un premio del Virginia Museum of Fine Arts, aveva viaggiato a lungo fra Nord Africa, Spagna, Italia e Francia. Nel 1959 si era trasferito in Italia, a Roma, da dove non avrebbe più tolto le radici, anche per l’incontro con la futura moglie, Tatiana Franchetti. Nel 1964 la prima presenza alla Biennale di Venezia, ed il via ad una carriera di successi che non è questo il luogo per analizzare. Lo faremo ben presto, su queste pagine, quando lo stupore avrà lasciato spazio alla riflessione ed alla storia…

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • Molto bello questo testo..come si chiama l’autore?Grazie

  • marta jones

    Lo stupore di cosa?! Di un uomo di 83 anni che muore???!!!!! Nonostante la perdita di uomini famosi o di quello della strada provochi sempre tristezza a chi resta, questa e’ retorica assurda!!! E poi ancora la descrizione dell’ultima ‘benedizione’ degli spazi dello squalo Gagosian: ha accettato di farsi riempire di soldi per fare le piu’ brutte mostre della sua vita che certo non hanno scalfito la sua immagine di grande mente creativa, ma potevano essere evitate proprio da un personaggio che ha assunto la discrezione e il distacco dal circo dell’arte come suo stile esistenziale!
    Per fare informazione di questo tipo meglio limitarsi alla semplice notizia, senza inutili sproloqui intellettualistici…..

  • Redazione

    sproloqui intellettualistici? citare senza indugiarci il fatto che con lui si sono inaugurate due gallerie? mah…

  • dino

    Grazie agli Squali (dei quali non si mostra stima) si comunica l’arte nel suo divenire: vita-morte.

  • dino

    Per uno squalo come Gagosian bisognerebbe costruire un grande acquario e osservare come si muove e quello che mangia..

  • daniele

    si, bello il testo!

  • amava l’amore in divisa, quello vero, fatto di sentimento acuto, di uomini che non credono al martirio dell’intelletto, ma che preferiscono marciare insistenti con a braccietto la cultura. un classico non può morire, un classico è già “stato” morto. Non avremmo potuto assistere a cosa peggiore quale al mieloso testo fitto di luoghi comunissimi come questo di artribune

  • You need to take part in a contest for one of the finest websites on the internet.
    I am going to recommend this website!