Ozpetek district. Trova sede nel distretto creativo dell’Ostiense il think tank di Umberto Croppi

Il cultural think tank di Umberto Croppi, ex assessore alla cultura di Roma, ha finalmente pronta la sua sede. Una piattaforma di scambio agile e snella che tuttavia è dotata anche di uno spazio per riunuoni (a disposizione dei soci e dei simpatizzanti), una piccola biblioteca oltre che ampi spazi virtuali con un sito web […]

Un interno della nuova sede

Il cultural think tank di Umberto Croppi, ex assessore alla cultura di Roma, ha finalmente pronta la sua sede. Una piattaforma di scambio agile e snella che tuttavia è dotata anche di uno spazio per riunuoni (a disposizione dei soci e dei simpatizzanti), una piccola biblioteca oltre che ampi spazi virtuali con un sito web rinnovato (e ricco di stimoli e approfondimenti) e i canonici profili su Twitter e Facebook.
Già ma dove si trova questa nuova sede? L’indirizzo è abbastanza familiare a chi si occupa di cose culturali nella capitale: Via dei Magazzini Generali. Il “network di cultura urbana” di Croppi si trova giusto “dentro” la sede del Roma Europa Festival, in una strada – nella vivace area del Gazometro – che vede affacciarsi le vetrine dello Studio Labics (noti architetti che stanno realizzando presso la stazione Tiburtina le uniche residenze della città che non siano squallide palazzine) e i pubblicitari della McCann. Insomma il distretto creativo nato anche a seguito dei film di Ferzan Ozpetek (prima de Le Fate Ignoranti qui le case costavano la metà), che beneficierà di questo nuovo innesto.
Programmi per la nuova stagione? Continua l’attività di “sana lobby” con funzioni di stimolo, pungolo e controllo nei confronti dell’amministrazione capitolina. E presto l’associazione proporrà dei suoi veri e propri modelli, degli standard di buona amministrazione e di governo della città redatti grazie ad un gruppo di professionisti.

UNA CITTÀ
Via dei Mercati Generali 20a – Roma
www.unacitta.net

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.