Ma che c’azzecca? C’azzecca, eccome! Dal prossimo numero su Artribune Magazine c’è la rubrica di Giacinto Di Pietrantonio

“Ho voluto che questo scritto, che intende parlare d’arte, nascesse dalla cronaca politica, traendo spunto da una serie di modi di dire, slogan, espressioni idiomatiche dei nostri politici”. E giù con una raffica di “Mi Consenta”, “Ma che c’azzecca”, “Ma anche” e “Foera dei ball”, che lasciamo a voi il non difficile compito di abbinare […]

Giacinto con Giuseppe di Sislej Xhafa

Ho voluto che questo scritto, che intende parlare d’arte, nascesse dalla cronaca politica, traendo spunto da una serie di modi di dire, slogan, espressioni idiomatiche dei nostri politici”. E giù con una raffica di “Mi Consenta”, “Ma che c’azzecca”, “Ma anche” e “Foera dei ball”, che lasciamo a voi il non difficile compito di abbinare ai legittimi creatori.
Lui li abbina, e ne trae spunto per associarli ad espressioni artistiche, o a singole opere, da Maurizio Cattelan ad Antonio Riello. Lui chi? Giacinto Di Pietrantonio, che sceglie questo originale pezzo per inaugurare la sua collaborazione con Artribune Magazine. Una rubrica fissa, che si intitola Per dovere di cronaca, debutto dal prossimo numero 2.
“Mi consenta” di chiudere in bellezza – scrive appunto in chiusura -, dicendo che l’Italia è un Paese che in passato è stato salvato dalla bellezza, “ma anche”, per dovere di cronaca, una nazione in cui, oggi secondo Nichi Vendola, c’è bisogno di “salvare la bellezza e lasciarsi salvare dalla bellezza”.

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • Valeria

    ma che invidiabile profluvio di banalità—-

    • ernesto

      credo che ci divertiremo, a me questo uomo fa ridere non si capisce niente quando parla, una cozzagli di suoni come le collettive che assembla, geniale lui o noi?

  • avellinese

    Complimenti ragazzi, con voi abbiamo visto nascere dal nulla, in un lampo, un bellissimo giornale d’arte e un meraviglioso sito web.

    Exibart è nel frattempo rimasta una larva agonizzante.

  • Io invece apprezzo molto questa apertura di Giacinto (con la rubrica fissa Oltre il giardino anche sul mio blog). E’ una cosa rara e preziosa per il “migliore” sistema italiano; ed è una strada di salvezza l’apertura e il dialogo. Lo snobbismo di certi operatori italiani ( e di certi artisti!) che scimmiottano la scena internazionale è solo sintomo del peggiore provincialismo che ci sia.

    http://affaritaliani.libero.it/culturaspettacoli/casta_arte_blogger290711.html

    • LorenzoMarras

      Luca , senza dubbio è una bella cosa sapere che il Di Pietrantonio scrivera’ nella rivista. Cosi facendo , confido che egli evitera’ di sottrarsi alle critiche che, eventualmente , saranno fatte all’indirizzo dei contenuti in detta Rubrica.

      Spero che anche tu, naturalmente, non ti farai sopraffare da alcun sentimento di parte e farai le doverose osservazioni quando, sia chiaro, saranno necessarie.

  • scureggio

    giacinto di pietrantonio il migliore sistema italiano? allora è proprio vero che non capisci nulla. ma come? dalle sue mani è nata la ghettizzazione internazionale e parliamo di “migliore sistema”? Il perggiore vorrete dire! quello dell’italietta tornata proviciale! venivamo dalle avanguardie, l’arte povera, l’anacronismo, la trasavanguardia e ci siamo ritrovati con margherita manzelli, vanessa beecroft, paola pivi, alessandra tesi, margherita mezzaqui, tanto per citar alcuni. Ma voi vi siete proprio bevuti i cervello!

    • ernesto

      bravo

  • Apprezzo in Giacinto Di Pietrantonio l’attenzione a quello che siamo. Di Pietrantonio non mi ha mai annoiato… e, almeno per me, non è poco.

    • ernesto

      dipende da che cultura ha lei

  • Libetta

    Vi seguo dal primo giorno, avevo sperato anzi ne ero convinta fino ad ora che poteste essere diversi e quindi sottrarvi a questo.
    Chiunque abbia visto live una volta il Di Pierantonio sa di cosa sto parlando.
    Vi tolgo dalla homepage, peccato.

    • Mi consenta,
      Cari tutti, vi ringrazio per i commenti che avete scritto, segno che la cosa nel bene e nel male vi interessa, ma anche non vi interessa, e quindi diciamo che: Eppur si muove. Ma anche non vi ringrazio, perché mi fate intervenire e quindi lavorare ancor prima che esce l’articolo. Tuttavia, noto che continua il tipico attegiamento italiano di parlare bene o male a prescindere e cioè senza aver letto l’articolo, senza aver visto, isomma siamo un Paese del mutuo, nasciamo con l’ipoteca. Difatti, questo è il vero problema italico di dire senza conoscere, senza entrare nel merito, mentre è quello che con questa rubrica vorrei cercare di fare. E per sgombrare il campo da ogni equivoco, questo vale sia per chi mi vuol bene che per chi mi vuol male. Ringrazio soprattutto chi dice che mi ha visto dal vivo, come si dice per le rockstar, visto che se non avessi fatto il critico- curatore avrei voluto essere una rockstar.
      Saluti a tutti e per favore rimandiamo le discussioni a cui non mi sottrarrò di certo a dopo che avrete letto l’articolo.
      Buone vacanze a tutti
      gdp

      • giacomo

        Giacinto, ma che scrivi??? è sempre stato tutto così prevedibile e scontato quello che hai sempre fatto, lo sanno in molti e in molti sanno quanti traffici all’italiana (questo dovresti dire) che c’è dietro ad ogni tua operazione commerciale.
        Ad ogni modo questa è la classica storia degli artisti mancati, come tu eri da giovane che odiando gli artisti veri e l’arte… nel tempo hai ostacolato quelli più validi e non plagiabili. ma la storia è piena di trafficoni come te, impreparati e insensibili e sempre lo sarà. la cosa buffa che il tempo ha sempre cancellato chi non contava. sono un collezionista e ogni volta che ritorno in Italia mi viene da piangere.

      • That’s a sensblie answer to a challenging question

  • hm

    – ancora prima che escA l’articolo .
    – attegGiamento .

    giusto perchè siamo in tema eh?

  • DSK

    A proposito… andatevi a leggere il suo pezzo su FlashArtonio, pardon volevo dire su Flash Art – giugno. Vi avverto. Per banalità del tema e genericità degli argomenti potrebbe essere definito un articolo balneare, da rivista gossippara. Da taggare GDiPiù.