Lo Strillone: privati anche al Ponte di Rialto sul Corriere della Sera. E poi archeologia, prezzo dei libri, Brera…

Domani sciopero del personale scientifico del MIBAC, alleggerito di 5 milioni di euro di finanziamenti: L’Unità, sentendo echi di fischietti e fruscii di bandiere rosse, piange lo stallo dell’area archeologica centrale e torna a puntare il dito contro le politiche di valorizzazione di Domus Aurea e Colosseo. Quest’ultimo, però, sembra destinato a fare scuola: dopo […]

Quotidiani
Quotidiani

Domani sciopero del personale scientifico del MIBAC, alleggerito di 5 milioni di euro di finanziamenti: L’Unità, sentendo echi di fischietti e fruscii di bandiere rosse, piange lo stallo dell’area archeologica centrale e torna a puntare il dito contro le politiche di valorizzazione di Domus Aurea e Colosseo. Quest’ultimo, però, sembra destinato a fare scuola: dopo l’affare Della Valle il Corriere della Sera annuncia analoga operazione di sponsorship per i restauri al Ponte di Rialto.

A proposito di archeologia, ecco due brevi: è ancora il Corsera ad annunciare il ritrovamento, in Turchia, di una tomba paleocristiana attribuita all’apostolo Filippo; su L’Unità il coccodrillo per la scomparsa di Mario Manieri Elia, architetto romano che ha lavorato con acume a tu per tu con aree fortemente storicizzate.

Mentre Il Giornale insiste e ribatte sulla questione editoria, Il Sole 24 Ore assegna all’Italia la palma del paese europeo con il flusso maggiore di turisti: interessante e importante indagine sui riflessi economici dell’invasione di stranieri sul suolo patrio.

Le pagine lombarde dei principali quotidiani nazionali indagano il futuro gestionale di Brera, destinata  a possibili rilanci et similia. Su Libero Milàn l’è un gran Milàn: Hayez in mostra per omaggiare Verdi e il Risorgimento alla meneghina.

Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.