Lo Strillone: poco (o troppo) personale al Mibac sul Fatto Quotidiano. E poi Domus Aurea, sconti sui libri, ministeri a Monza…

Si appella al less is more di Mies van der Rohe Federico Pontiggia, che su Il Fatto Quotidiano ironizza sulla contrazione delle risorse e di conseguenza su quella del progetto per il nuovo Palazzo del Cinema di Venezia. Su Saturno un’inchiesta sul distrofico mercato del lavoro, per cui di gente a spasso ce n’è a bizzeffe eppure […]

Quotidiani
Quotidiani

Si appella al less is more di Mies van der Rohe Federico Pontiggia, che su Il Fatto Quotidiano ironizza sulla contrazione delle risorse e di conseguenza su quella del progetto per il nuovo Palazzo del Cinema di Venezia. Su Saturno un’inchiesta sul distrofico mercato del lavoro, per cui di gente a spasso ce n’è a bizzeffe eppure il Ministero perde personale a vista d’occhio, impossibilitato ad coprire i buchi lasciati dai pensionamenti (si viaggia a 800 persone l’anno). Delle due l’una: o il Mibac entro breve implode; oppure in passato c’è stata una certa disinvoltura nelle assunzioni. Fate voi.

L’Unità lancia l’allarme Domus Aurea: altro che restauri conservativi! Il progetto per la valorizzazione del sito archeologico vengono additati come barbari. Di antichità si occupa pure Avvenire che incontra Antonio De Siena, soprintendente in Puglia e dintorni: da scavare ce n’è ancora per tutti, indovinate cosa manca…

La Repubblica Il manifesto tornano sulla questione degli sconti sui libri, con valzer di voci ed opinioni ed inchiestine sui volumi dell’editoria italica. Il Riformista paventa che il bluff dei ministeri a Monza possa alla fine concretizzare una sede per madame Brambilla: la ministra senza ministero avrà una scrivania in Villa Reale?

Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.