Lo Strillone: il caso TAV secondo Salvatore Settis su Repubblica. E poi Brandi, Biennale dell’Umorismo, follie museali…

Dalle colonne de La Repubblica Salvatore Settis pontifica attorno al caso TAV e al consumo del territorio; per il Corriere della Sera il modello per il restauratore del XXI secolo è ancora Cesare Brandi: a lui guarda la task force italiana che sta formando, in Iraq, tecnici ed esperti locali che si occupino in futuro […]

Quotidiani
Quotidiani

Dalle colonne de La Repubblica Salvatore Settis pontifica attorno al caso TAV e al consumo del territorio; per il Corriere della Sera il modello per il restauratore del XXI secolo è ancora Cesare Brandi: a lui guarda la task force italiana che sta formando, in Iraq, tecnici ed esperti locali che si occupino in futuro del ricco patrimonio archeologico del paese.

C’è una Biennale per qualsiasi cosa: Luca Beatrice cura quella dell’Umorismo di Tolentino, e su Il Giornale la presenta (in mostra opere, tra gli altri, di Veneziano, Chia, Ontani e de Molfetta). L’inserto economico de La Stampa tira le fila del primo semestre 2011 visto dall’art-system, con primi bilanci per un mercato distrofico.  Nelle consuete recensioni del lunedì  spuntano Tancredi a Feltre, Antonio Lopez a Madrid e Mirò al forte valdostano di Bard.

Lettura da ombrellone: il free press Leggo sbatte in prima pagina un richiamo al reportage sui musei più folli dell’universo. Da quello sulla pasta di Roma a quello che, in Inghilterra, mette in bacheca collari. Per cani.

Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.