Lo Strillone: i comunisti e il monopolio della cultura su Libero. E poi Galan, Rizzo & Stella, Franz West…

Esclusivo Galan su Il Riformista, ma neanche troppo esclusivo, se lo troviamo pure su L’Unità:  l’Istituto Luce non chiude e non si ridimensiona, parola di ministro. E per chi bazzica le parti di Cinecittà Il Fatto Quotidiano suggerisce una capatina al centro commerciale di viale Togliatti: tra un negozio e l’altro c’è un’area espositiva da […]

Quotidiani
Quotidiani

Esclusivo Galan su Il Riformista, ma neanche troppo esclusivo, se lo troviamo pure su L’Unità:  l’Istituto Luce non chiude e non si ridimensiona, parola di ministro. E per chi bazzica le parti di Cinecittà Il Fatto Quotidiano suggerisce una capatina al centro commerciale di viale Togliatti: tra un negozio e l’altro c’è un’area espositiva da 300 metri quadri, che accoglie ora una collettiva che rilegge in arte l’epopea degli acquedotti romani.

Ecco come i comunisti hanno monopolizzato il mondo della cultura: tesi complottista a tutta pagina su Libero. Primo piano sulla mostra di Paul Klee ad Aosta per La Padania. Seconda puntata della guida di Camillo Langone al meglio della Biennale su Il Foglio.

Il Salvator Mundi attribuito a Leonardo debutta in mostra alla National Gallery di Londra e sulle colonne de Il Secolo d’Italia. Meraviglie di corallo per un servizio che Quotidiano Nazionale dedica all’arte suntuaria nelle collezioni diocesane del trapanese: per chi è in vacanza in zona si suggeriscono chiese e musei dove buttare un occhio.

La Provincia di Milano ha un assessore alla cultura. Non lo sapevamo mica. Oggi firma una pagina su Il Giornale per raccontare il presunto caos attorno alla Milanesiana. Amen. Un pezzo alla volta Rizzo & Stella portano i loro Vandali sulla prima pagina del Corriere della Sera: oggi tocca alla denuncia del degrado della Cittadella di Alessandria. Intanto Francesco Bonami intervista per La Stampa Franz West, Leone d’Oro alla Biennale.

Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.