Giuseppe Gabellone e Diego Perrone, scritti d’artista per la terza serie di Peep-Hole Sheet

Giunge alla terza serie Peep-Hole Sheet, pieghevole trimestrale di grande formato – e grande stile – edito dallo spazio milanese Peep-Hole. Per il #9, a prendere in mano la penna sono eccezionalmente due artisti, ovvero Giuseppe Gabellone e Diego Perrone, che sotto il titolo Come posso descriverti quello che non c’è, il mostro di cui […]

Giunge alla terza serie Peep-Hole Sheet, pieghevole trimestrale di grande formato – e grande stile – edito dallo spazio milanese Peep-Hole. Per il #9, a prendere in mano la penna sono eccezionalmente due artisti, ovvero Giuseppe Gabellone e Diego Perrone, che sotto il titolo Come posso descriverti quello che non c’è, il mostro di cui ti hanno raccontato? si confrontano su una coppia di mostre irrealizzate e progettate a quattro mani.
Obiettivo della serie è “costruire un’antologia di scritti che possa aprire nuove prospettive per interpretare e comprendere i nostri tempi”. Magari, diciamo noi, affiancando questa versione periodica da collezionisti a un più classico formato-libro, quando di materiale ce ne sarà a sufficienza. Intanto sono già noti i protagonisti delle prossime tre uscite: Jimmie Durham, Lara Favaretto e Danh Vo.

– Marco Enrico Giacomelli

www.peep-hole.org

CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014). In qualità di traduttore, ha curato testi di Deleuze, Revel, Augé e Bourriaud. Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Insegna alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.