Garage Sale, partite a ping-pong, e tanta musica. Non sembra, ma siamo all’Hangar Bicocca, per il finissage del progetto Terre Vulnerabili

Musica, sport, intrattenimento, ed un mercatino bric-a-brac. Sembra il programma di una festa estiva di paese, o di un parco giochi estivo? E invece siamo all’Hangar Bicocca, il centro d’arte milanese che sempre più si sta ritagliando uno spazio sociale totale, che va al di là dell’offerta prettamente artistica, un fulcro del dibattito e del […]

Ping pong, fa rima con Kusolwong

Musica, sport, intrattenimento, ed un mercatino bric-a-brac. Sembra il programma di una festa estiva di paese, o di un parco giochi estivo? E invece siamo all’Hangar Bicocca, il centro d’arte milanese che sempre più si sta ritagliando uno spazio sociale totale, che va al di là dell’offerta prettamente artistica, un fulcro del dibattito e del trend-setting culturale meneghino.
Occasione? il finissage del progetto Terre Vulnerabili, con la presentazione del libro Terre Vulnerabili – A growing exhibition edito da Corraini, che racconta la genesi, lo sviluppo e la conclusione del progetto, con la presenza dei curatori Chiara Bertola e Andrea Lissoni e la partecipazione di Stefano Chiodi, Emanuela De Cecco, Andrea Viliani e Marina Wallace, professore al Central Saint Martins College di Londra.
Ad arricchire la serata – domenica 17 luglio dalle 18 alla 1 di notte – un Garage Sale, ormai un must dell’Hangar, dedicato stavolta alle vacanze, con valige vintage, libri da spiaggia, bizzarri occhiali da sole, sandali, bikini. E poi tanta musica, con la Hundebiss Summer Night II, protagonisti tre esponenti di spicco della ricerca musicale-visiva contemporanea europea come High Wolf, Floris Vanhoof e Dj Bongo Man. Il tutto inframezzato dalle partite di ping-pong sull’installazione site specific di Surasi Kusolwong: perché l’intreccio fra arte e vita non è mai troppo…

Garage Sale vacanziero all'Hangar
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.