Gabriella Belli lascia il Mart? “Ci rallegriamo per il nuovo incarico”, commenta il presidente della Provincia Dellai

“Sono stato informato del presidente del Mart, Franco Bernabè, della proposta ricevuta dalla direttrice del Mart da parte dei Musei Civici Veneziani. Ci rallegriamo per il nuovo incarico, prestigioso, offerto a Gabriella Belli, che penso sia un’effettiva occasione di crescita professionale”. Toni istituzionali e distaccati, quelli del presidente della Provincia Autonoma di Trento Lorenzo Dellai, […]

Lorenzo Dellai

Sono stato informato del presidente del Mart, Franco Bernabè, della proposta ricevuta dalla direttrice del Mart da parte dei Musei Civici Veneziani. Ci rallegriamo per il nuovo incarico, prestigioso, offerto a Gabriella Belli, che penso sia un’effettiva occasione di crescita professionale”. Toni istituzionali e distaccati, quelli del presidente della Provincia Autonoma di Trento Lorenzo Dellai, interpellato da Il Trentino sull’ipotesi che Gabriella Belli lasci il Mart per approdare in Laguna. Si congratula, insomma, ma di certo non pare stracciarsi le vesti per la possibile perdita. “Questo – prosegue – dà la misura dell’importanza che il Mart ha conquistato in termini di prestigio nel panorama artistico nazionale. Per Gabriella Belli è un’opportunità importante ed è comprensibile che possa fare una nuova esperienza”.
E se ci fossero ancora dubbi, anche se dal Mart si sgolano a ripetere che l’eventuale decisione di lasciare il museo non sarebbe legata ai rapporti con le istituzioni magari non al massimo, Dellai precisa: “Non si può pensare che una struttura sia incarnata per sempre nella sua direttrice. Un ricambio è nella logica delle cose”. Se servivano conferme, insomma, quantomeno che l’eventualità del cambio della guardia sia una cosa concreta, ci sono tutte. Tanto che si può addirittura cominciare a pensare al dopo-Belli: e qui sono le contingenze a venire in soccorso, con un’ipotesi a suo modo affascinante: capita infatti che circoli per il Belpaese un “disoccupato” di lusso che risponde al nome di Luca Massimo Barbero, e capita anche che il medesimo potrebbe essere perfettamente tagliato per un ruolo che ha necessità di competenze sia sul contemporaneo che sul moderno…

Gabriella Belli pronta a lasciare il Mart? Per ora c’è solo una proposta, ma pare che sia presa in seria considerazione…

  • ddd

    no basta luca massimo barbero che palle!

  • Roberto Codroico

    Dispiace perdere ciò che ormai era “una istituzione”, ma tutto si evolve, anche se, conoscendo la “nostra” classe politica, in peggio. Il “ricco” MART, ove sono state allestite straordinarie mostre, in questi lunghi anni ha prestato scarsa attenzione alle realtà creative del proprio territorio, ma forse anche con il rinnovo non cambierà nulla.